Esteri

L'Africa e il clima, risarcimenti dai grandi

In Burkina Faso il forum sullo sviluppo sostenibile, da cui i Paesi partecipanti sperano di uscire con una posizione unitaria in vista di Copenhagen

In vista del vertice di dicembre a Copenhagen, numerosi capi di stato africani si sono ritrovati in questi giorni a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, al settimo Forum mondiale sullo sviluppo sostenibile dedicato ai cambiamenti climatici, sotto l'egida dell'Onu e dell'Unione africana. Della delegazione fanno parte anche l'ex capo di stato francese, Jacques Chirac, ed il ministro francese per il clima, Jean-Louis Borloo. 

«Fortunatamente l'Africa contribuisce in misura minima all'inquinamento del pianeta ed emette meno del 4% dei gas ad effetto serra - ha dichiarato il ministro dell'Ambiente del Burkina, Salifou Sawadog - ma deve far comprendere ai paesi che hanno costruito il loro sviluppo economico a scapito dell'ambiente che devono prenderne atto, ridurre le loro emissioni di gas serra e aiutare il continente più vulnerabile ai cambiamenti climatici».

Allo scopo di presentarsi con una posizione comune in Danimarca, l'Unione africana ha designato per la prima volta una commissione composta dai delegati di dieci paesi e presieduta dal premier etiope Meles Zenawi. A inizio settembre, Meles ha minacciato l'uscita dai lavori di Copenhagen se le richieste di risarcimento dei Paesi partecipanti non verranno tenute in considerazione. I ministri africani dell'ambiente intendono anche ricercare un'intesa con i loro colleghi della Lega araba allo scopo di proporre in quella sede una "piattaforma globale".

La conferenza di Ouagadougou si svolgerà su sei sessioni tematiche che vanno dalle opportunità e rischi dei cambiamenti climatici, alle ripercussioni degli stessi sul fronte sanitario e su quelli finanziario e politico.

08 Ottobre 2009

Share |
Il taglio del nastro

Le radici dell’Afghanistan

Il ruolo dell’agricoltura nella "transizione": la fattoria modello a Urdu Khan

Pechino punta a 21 Gw di solare nel 2015

Per sostenere la produzione di pannelli solari e l'eccesso di domanda

L'eco-city cinese accoglie i cittadini

Tianjin è stata costruita su una discarica e ospiterà 350mila abitanti

A Euro2012 vince la sostenibilità

Le maglie di Francia, Croazia, Polonia, Portogallo e Olanda sono più ecologiche

I consumatori pensano all'ambiente

Secondo la ricerca internazionale sponsorizzata dall'Onu a proposito di ecologia

Libano, verdi “caschi blu” all'opera

Forze italiane conducono un’intensa attività di cooperazione civile e militare
Giovedì 31 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password