Focus

Agricoltura: l'italiana batte tutti in qualità

Un fatturato pari a 10 miliardi di euro, oltre 200 le Dop e le Igp. Secondo la Cia i marchi riconosciuti rappresentano più del 21% del totale europeo

Sempre più forte la leadership dell'agricoltura italiana in Europa in fatto di qualità e tipicità.

Stravince su Francia e Spagna, con oltre 200 tra Dop (Denominazione di origine protetta) e Igp (Indicazione di origine prodotta). Produzioni che danno vita a un fatturato al consumo di 10 miliardi di euro e ad un export di 2,3 miliardi di euro.

A evidenziarlo è la Cia (Confederazione italiana agricoltori) che esprime tuttavia preoccupazione per gli attacchi dell'agropirateria, con falsificazioni e imitazioni dei marchi che ogni anno mette in moto un giro d'affari di oltre 60 miliardi di euro.

Tornando ai dati, il nostro Paese detiene un consolidato primato a livello comunitario con il maggior numero di prodotti a denominazione di origine tutelata, oltre il 21% del totale Ue.

Ci seguono la Francia, che continua a essere sempre più distanziata, con 168 prodotti (92 Dop e 76 Igp), e la Spagna con 134 prodotti (71 Dop, 60 Igp e 3 Stg). Francia e Spagna hanno rispettivamente il 19 e il 14% dei marchi riconosciuti a livello europeo.

Nell'ultimo anno il "paniere" dei prodotti Dop e Igp in Europa si è arricchito di oltre 50 produzioni. In testa l'Italia con più di 20 nuove produzioni registrate (in crescita soprattutto ortofrutticoli e cereali).

Nel nostro Paese, nel settore delle Dop e delle Igp, operano 98.200 aziende agricole e allevamenti e 7600 strutture di trasformazione artigianali e industriali.

Sono prodotti, quelli a denominazione d'origine che, oltre a rappresentare un patrimonio culturale notevole e l'immagine stessa dell'Italia all'estero, costituiscono un settore economico e sociale.

Basti pensare che questi prodotti danno lavoro, tra attività dirette e indotto, a più di 300.000 persone e che rappresentano una risorsa insostituibile per l'economia locale.

14 Aprile 2010

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Sabato 26 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password