Territori

Amazzonia, al minimo storico la deforestazione

Nell'ultimo anno -67% di superficie disboscata rispetto al tasso medio registrato fino al 2005. Lo dice il National Institute for Space Reserch Usa

I dati forniti dal sistema satellitare di rilevamento del National Institute for Space Research degli Stati Uniti indicano che tra agosto 2009 e luglio 2010 il disboscamento della foresta amazzonica brasiliana è sceso al suo minimo storico, portandosi a 6.450 chilometri quadrati.

Valore tutt'altro che irrilevante, ma inferiore del 67% al tasso medio annuo di deforestazione registrato tra il 1996 e il 2005. «Attraverso una drastica limitazione delle attività di disboscamento - ha dichiarato Doug Boucher, direttore della ricerca sul clima della Union of Concerned Scientists Usa - il Brasile ha fatto più di qualsiasi altro Paese nel corso degli ultimi cinque anni per ridurre le emissioni che provocano il riscaldamento globale».

Secondo i dati forniti dall'IPCC (Intergovernmental Panel Climate Change), la distruzione delle foreste tropicale è responsabile del 15% della progressione del riscaldamento globale e la deforestazione in Brasile si presentava in questo contesto come la principale fonte di emissioni. La rapida riduzione del tasso di disboscamento della foresta amazzonica sta cambiando radicalmente questa prospettiva.

Grazie al risultato conseguito nell'ultimo anno di osservazione, il Brasile ha risparmiato 850 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 rispetto ai livelli medi delle emissioni registrate tra il 1996 e il 2005. Si tratta di un quantitativo, confermano gli esperti, pari all'importo che l'Unione europea si è impegnata a ridurre per il 2020 e che è inferiore soltanto del 15% a quello che negli Usa l'amministrazione Obama ha promesso di tagliare tra il 2005 e il 2020.

Il governo brasiliano si era impegnato a ridurre la deforestazione dell'80% entro il 2020, ma recentemente ha voluto imprimere un'accelerazione a questo programma stabilendo per il 2016 il tempo utile al raggiungimento dell'obiettivo e avvalendosi a questo scopo di nuove leggi in materia di protezione ambientale, di sviluppo delle attività agricole e di tutela dei territori occupati dalle popolazioni indigene.

06 Dicembre 2010

Share |

Parco delle Madonie, occasione mancata?

Sabato 8 giugno i Lions Club Cefalù e Madonie intervengono sulle tematiche

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro
Venerdì 29 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password