Esteri

Australia può rispettare il protocollo di Kyoto

Lo riferisce il governo, malgrado il Paese sia tra quelli con le emissioni pro capite di CO2 più alte per la crescita demografica e dell'industria

L'Australia è sulla strada giusta per rispettare i propri impegni di riduzione delle emissioni in base al Protocollo di Kyoto. Lo ha riferito il governo, secondo cui la causa è però da attribuire prevalentemente alla crisi economica globale.

In base al Protocollo, il tetto di emissioni australiane fra il 2008 e il 2012 è pari al 108% rispetto ai livelli del 1990. In pratica, l'Australia ha il diritto di emettere fino all'8% in più di gas serra.

Rispetto alla maggioranza dei Paesi europei che, al contrario, devono apportare tagli consistenti, l'obiettivo sembrava non difficile. Invece finora il governo ha avuto grossi problemi a mantenere le emissioni entro questi limiti, a causa della crescita demografica, dell'espansione dell'industria mineraria e del settore elettrico, basato per l'80% sul carbone.

L'Australia è fra i Paesi al mondo con la più alta quantità di emissioni di gas serra pro capite. Negli ultimi 20 anni le emissioni si sono impennate: nel settore dei trasporti e della produzione di energia l'aumento è stato del 43%.

Indipendentemente dai parametri di Kyoto, il governo ha fissato l'obiettivo di ridurre le emissioni del 5% entro il 2020 rispetto ai livelli del 2000. Secondo l'Australia's Climate Institute questo traguardo potrà essere raggiunto solo con un sistema di tasse sulle emissioni.

Il governo ha fatto passare una legge a favore delle energie rinnovabili, ma un piano più ambizioso che comprendeva anche l'efficienza energetica è stato accantonato a causa della una forte opposizione politica.

31 Maggio 2010

Share |
Il taglio del nastro

Le radici dell’Afghanistan

Il ruolo dell’agricoltura nella "transizione": la fattoria modello a Urdu Khan

Pechino punta a 21 Gw di solare nel 2015

Per sostenere la produzione di pannelli solari e l'eccesso di domanda

L'eco-city cinese accoglie i cittadini

Tianjin è stata costruita su una discarica e ospiterà 350mila abitanti

A Euro2012 vince la sostenibilità

Le maglie di Francia, Croazia, Polonia, Portogallo e Olanda sono più ecologiche

I consumatori pensano all'ambiente

Secondo la ricerca internazionale sponsorizzata dall'Onu a proposito di ecologia

Libano, verdi “caschi blu” all'opera

Forze italiane conducono un’intensa attività di cooperazione civile e militare
Sabato 02 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password