Territori

Alessandria, un grande impianto per il bioetanolo

Nel 2009 il primo impianto italiano su scala mondiale capace di produrre 200 mila tonnellate l'anno di biocarburante, il 20% del fabbisogno nazionale

Il gruppo M&G Mossi e Ghisolfi, multinazionale chimica, annuncia «l'avvio della costruzione, nella provincia di Alessandria, del primo impianto nazionale di produzione su scala mondiale di bioetanolo».

«E’ con soddisfazione - ha dichiarato Guido Ghisolfi, vice presidente del Gruppo M&G in occasione del convegno “Etanolo di seconda generazione. Una sfida possibile”, organizzato in collaborazione con la Gbep, Global bionergy partnership a Tortona (Alessandria) -  che confermiamo la nostra volontà a realizzare entro il 2009 il primo impianto italiano capace di produrre fino a 200 mila tonnellate l'anno di bioetanolo, vale a dire il 20% del fabbisogno nazionale imposto dalla Commissione europea».

Il bioetanolo, carburante simile alla benzina e prodotto da vegetali come la canna da zucchero o il mais «ha un “saldo energetico” positivo del 30% - ricorda una nota M&G - cioè il biocarburante prodotto fornisce il 30% in più di energia di quella che si consuma per produrlo, e che ha un impatto di circa il 30% in meno di emissioni di gas serra rispetto alla rispettiva quantità di benzina tradizionale».

«I biocombustibili - commenta Corrado Clini, presidente della Global bioenergy partnership e direttore generale del ministero dell'Ambiente - possono svolgere un ruolo di grande rilievo per far fronte alla crescente domanda globale di energia, e per ridurre le emissioni dei gas serra che mettono a rischio gli equilibri del sistema climatico. In particolare, l'etanolo di seconda generazione offre enormi vantaggi perchè conserva la competitività in termini di costo rispetto ai carburanti fossili e garantisce maggiore sicurezza alimentare e ambientale rispetto ai biocarburanti di prima generazione».

05 Febbraio 2008

Share |

Parco delle Madonie, occasione mancata?

Sabato 8 giugno i Lions Club Cefalù e Madonie intervengono sulle tematiche

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro
Sabato 23 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password