Esperienze

Seconda generazione
bioetanolo in Piemonte

A Crescentino in provincia di Vercelli avviata la costruzione della prima raffineria al mondo di questo genere. Investimento da 120 milioni di euro

Avviata a Crescentino, in provincia di Vercelli, la costruzione della prima raffineria al mondo per la produzione di bioetanolo di seconda generazione.

Il progetto, promosso dal gruppo Mossi&Ghisolfi (M&G, società piemontese leader mondiale nella produzione di polietilene) porta su scala industriale una innovativa tecnologia messa a punto dalla Chemtex (società di ingegneria del gruppo M&G) grazie a un progetto di ricerca durato cinque anni e sostenuto con un investimento di 120 milioni di euro.

 

La bioraffinera di Crescentino, che sarà operativa nel 2012, avrà una capacità produttiva di oltre 40.000 tonnellate annue di bioetanolo ottenuto da biomasse ligno-cellulosiche non destinate al consumo alimentare.

 

La materia prima di base è infatti la Arundo Donax, cioè la comune canna che cresce lungo tutti i fossi d'Italia, e sarà prodotta localmente (nel raggio di 40 km) tramite accordi con agricoltori della zona.

Ne deriva, tra l'altro, anche un rilevante vantaggio per l'occupazione locale, stimata in circa 150 addetti direttamente occupati, più altrettanti nell'indotto.

 

La Arundo Donax cresce su terreni umidi marginali, ma richiede un consumo relativamente basso di acqua, assicura una resa elevata per ettaro e una significativa capacità di sequestro della CO2. Della canna non si butta niente.

 

La bioraffineria di Crescentino, infatti, ne utilizzerà il contenuto zuccherino per produrre il bioetanolo, tramite fermentazione enzimatica.

 

La parte restante, costituita prevalentemente da lignina, sarà riutilizzata come combustibile in una centralina di generazione elettrica, consentendo così all'impianto di essere praticamente autonomo dal punto di vista energetico.

 

Nello sviluppo del progetto il gruppo Mossi&Ghisolfi si è avvalso del contributo di partner qualificati, tra cui l'Enea, il Politecnico di Torino e la società danese Novozymes.

Come combustibile il bioetanolo può essere miscelato alle comuni benzine in percentuali fino al 20% senza modifiche ai motori, oppure può essere utilizzato puro in motori specifici.

 

Poiché le direttive europee impongono che entro il 2020 almeno il 10% dei combustibili per autotrazione debba essere di fonte rinnovabile, di fatto il potenziale mercato italiano per il bioetanolo (o altri biocarburanti) ammonta a oltre di 1,5 milioni di tonnellate l'anno.

 

Per soddisfare questa domanda con la tecnologia M&G occorrerebbe mettere a coltivazione di canna non più del 3% dei terreni marginali o abbandonati in Italia.

 Al.No

 

20 Aprile 2011

Share |

Articoli correlati

Mezzi elettrici, vendite per un milione nel 2015

Ad affermarlo è lo studio dell'IHS Business Supplier Automotive. A contribuire sarà soprattutto il boom del mercato cinese



Eolico: investimenti milionari in Ue nel 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi sono stati spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 megawatt. Calano le installazioni a petrolio e quelle nucleari

Global warming, indice puntato contro il sole

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta. Temperatura innalzata di 0,8 gradi negli ultimi 50 anni

L’economia verde italiana in 80 storie

Presentato “L’Italia della Green economy”, libro che racconta le esperienze di aziende che hanno investito con successo in prodotti di alta qualità

Il divertimento è green con il "Centro Pala K"

Alle porte di Milano apre il tempio della velocità: una struttura polivalente con criteri ecosostenibili e Kart elettrici di ultima generazione

Mar Ionio: rotte sicure e sviluppo sostenibile

Prende il via a Lecce un progetto che punta a migliorare la qualità e la diffusioni delle informazioni ambientali dell'Adriatico meridionale

Pescherecci europei troppo insostenibili

Lo conferma un nuovo rapporto del Wwf sull’espansione delle flotte dal 1950: l’attività di pesca condotta sempre più contro i criteri ambientali


Grandi navi, Unesco: «Italia tuteli le coste»

Lettera al ministro dell’Ambiente, Corrado Clini: via le imbarcazioni da crociera dai siti più suggestivi e rappresentativi. Venezia su tutti


In Veneto arrivano infrastrutture ciclabili

Grazie ai fondi FAS si completeranno i percorsi Treviso-Ostiglia e la ciclovia R1. Soddisfatta la FIAB: «Altre Regioni seguano l’esempio»

Mobilità: dalla Germania arriva l’Auto Tram

Presentato un prototipo di autobus che si ricarica a ogni fermata. Un costo di 34 milioni di euro ammortizzati in termini di risparmio energetico

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

L’Envirofestival, musica per l'ambiente

Il 26 primo concerto di Audiomatica, Munendo, Uforomeo, dei R.I.M e Anotherule

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni

Il decalogo "salva-spiaggia" del Wwf

La sostenibilità in 10 mosse nei gesti della vita quotidiana in vacanza
Venerdì 25 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password