Esteri

Brasile, nuovo piano energetico decennale

Iniziativa del ministero delle Miniere e dell'Energia che segna una svolta rispetto al passato: le fonti rinnovabili dovranno crescere il 13% l'anno

Ambiziosi progetti brasiliani sulle fonti rinnovabili, che dovranno crescere in media del 13% l'anno nel decennio 2010-2019.

E' quanto prevede il nuovo piano nazionale di sviluppo energetico elaborato dal ministero delle Miniere e dell'Energia, che segna una decisa svolta rispetto al precedente, considerato dagli osservatori eccessivamente favorevole alle fonti di energia fossili.

In assoluto quella idroelettrica è la principale fonte di energia elettrica del Paese: un dato che rispecchia la grande ricchezza di risorse idriche. Il settore passerà da 83.000 megawatt di potenza installata nel 2010 a 117.000 nel 2019.

Il fatto che il governo punti molto in questa direzione è testimoniato dal progetto per la diga di Belo Monte, in Amazzonia, approvato nell'aprile 2010 ma tutt'ora soggetta a riflessioni sulla potenza da installare per ridurre gli impatti ambientali.

In ogni caso sarà la terza diga più grande del mondo. Un forte impulso è anche previsto per la mini-idraulica, da cui si stima un apporto variabile tra 4.000 a 6.900 MW.

L'aumento più spettacolare in termini percentuali sarà però quello dell'energia eolica, che passerà dai 744 MW attuali (saranno 1.400 MW a fine del 2010) a 6.000 MW nel 2019.

Per le biomasse è previsto un incremento di oltre il 50%, con potenza che è stimata passare dagli attuali 5.300 MW a circa 8.500 MW.

La capacità elettrica complessivamente installata nel Paese (considerata tutte le fonti, anche nucleare e fossili) è prevista crescere nei prossimi 10 anni di circa 55.000 MW, dai 112.000 MW del 2009 a oltre 167.000 MW.

06 Maggio 2010

Share |
Il taglio del nastro

Le radici dell’Afghanistan

Il ruolo dell’agricoltura nella "transizione": la fattoria modello a Urdu Khan

Pechino punta a 21 Gw di solare nel 2015

Per sostenere la produzione di pannelli solari e l'eccesso di domanda

L'eco-city cinese accoglie i cittadini

Tianjin è stata costruita su una discarica e ospiterà 350mila abitanti

A Euro2012 vince la sostenibilità

Le maglie di Francia, Croazia, Polonia, Portogallo e Olanda sono più ecologiche

I consumatori pensano all'ambiente

Secondo la ricerca internazionale sponsorizzata dall'Onu a proposito di ecologia

Libano, verdi “caschi blu” all'opera

Forze italiane conducono un’intensa attività di cooperazione civile e militare
Venerdì 25 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password