Esperienze

A Brindisi impianto
per sequestro CO2

Il primo in Italia, grazie all'Enel, consentirà di trattare 10.000 metri cubi l'ora di fumi prodotti dalla centrale a carbone in Puglia

Parte a Brindisi il primo impianto italiano per la cattura e lo stoccaggio dell'anidride carbonica. A inaugurarlo è stata Enel che ha dato il via al primo impianto pilota presso la centrale termoelettrica Federico II.

L'impianto che è anche uno dei primi in Europa di questo tipo, consente di trattare 10.000 metri cubi l'ora di fumi prodotti dalla centrale a carbone in Puglia per separare 2,5 tonnellate l'ora di anidride carbonica fino a raggiungere 8mila tonnellate l'anno.

Si tratta della stessa quantità di CO2 che potrebbe essere assorbita da una foresta di dieci chilometri quadrati con 8.000 alberi. L'impianto è parte delle attività integrate previste dall'accordo strategico siglato con Eni nel 2008.

La CO2 prodotta nell'impianto di Brindisi sarà trasportata dopo essere stata liquefatta, presso il sito Eni/Stogit di Cortemaggiore dove sarà iniettata e immagazzinata permanentemente nel sottosuolo.

L'impianto pilota è previsto in esercizio nel 2012: è stata completata la fase di progettazione e si è in attesa del rilascio delle ultime autorizzazioni.

L'obiettivo, in linea con la piattaforma europea Zero emission fossil fuel plants è rendere possibili nel giro di un decennio centrali elettriche a combustibili fossili a zero emissioni.

La tecnologia di cattura postcombustione utilizzata a Brindisi è la più matura e adatta a intervenire sulle centrali termoelettriche esistenti.

Interviene a valle del processo di combustione con un sistema che utilizzando sorbenti chimici, permette di separare la CO2 dai fumi, i sorbenti vengono poi scaldati con vapore e rilasciano la CO2 catturata pronta per essere liquefatta e immagazzinata.

La sperimentazione di Brindisi permetterà di maturare l'esperienza di progettazione e di esercizio degli impianti di cattura postcombustione della CO2, di ottimizzare il processo e di valutarne l'impatto ambientale. La prima applicazione su scala industriale sarà realizzata da Enel nella nuova centrale a carbone di Porto Tolle.

L'impianto tratterà 810.000 metri cubi l'ora di fumi separando fino a un milione di tonnellate l'anno di CO2 che saranno confinate in un acquifero salino sotto il fondo del Mare Adriatico.

Attraverso l'European energy programme for recovery, l'Unione europea ha riconosciuto ad Enel un finanziamento di 100 milioni di euro, per il progetto pilota di Brindisi e per le attività preliminari alla realizzazione dell'impianto a Porto Tolle.

01 Marzo 2011

Share |

Articoli correlati

Troppe discariche, Europa contro l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per i circa centodue siti non conformi alla direttiva 1999, di cui tre pericolosi

Mezzi elettrici, vendite per un milione nel 2015

Ad affermarlo è lo studio dell'IHS Business Supplier Automotive. A contribuire sarà soprattutto il boom del mercato cinese



Eolico: investimenti milionari in Ue nel 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi sono stati spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 megawatt. Calano le installazioni a petrolio e quelle nucleari

Global warming, indice puntato contro il sole

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta. Temperatura innalzata di 0,8 gradi negli ultimi 50 anni

Educazione ambientale a scuola con Assovetro

Al via la quinta edizione del concorso che vedrà gli studenti protagonisti di un racconto a tema su questo tipo di materiale. Incipit di Stefano Benni

Solare, italiani sempre più propensi a utilizzo

Lo sostiene un recente rapporto di IPR Marketing che conferma la crescita esponenziale del settore. Ma siamo carenti in fatto di informazione

Venezia, Ecolamp illumina il Carnevale

Per il terzo anno consecutivo il Consorzio parteciperà all’evento, diffondendo la cultura della sostenibilità tra grandi e piccini che parteciperanno

Acque, Ue individua 15 nuovi inquinanti

Ci sono, tra gli altri, prodotti industriali e fitosanitari. E’ la prima volta che Bruxelles chiede di introdurre farmaci tra le sostanze a rischio

I prodotti del territorio per contrastare il gelo

Dalla vitamina D, facilmente reperibile in pesce, latte e uova, ai legumi: ecco alcuni consigli alimentari per supportare il fisico con il freddo

Le fattorie urbane sui tetti di New York

Grazie al progetto “Green infrastructure grant program” le sommita di alcuni palazzi della "Grande Mela" diventano vere e proprie aree agricole

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

L’Envirofestival, musica per l'ambiente

Il 26 primo concerto di Audiomatica, Munendo, Uforomeo, dei R.I.M e Anotherule

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni

Il decalogo "salva-spiaggia" del Wwf

La sostenibilità in 10 mosse nei gesti della vita quotidiana in vacanza
Sabato 23 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password