Focus

Il buco nell'ozono? Riparato entro il 2050

Questa la previsione di uno studio dell'Onu, secondo cui il “Protocollo di Montreal” funziona bene. Eppure la situazione ai Poli sembra peggiorare

Prepariamoci a dire addio buco nell'ozono, o quasi. L'ozonosfera che protegge la terra dai raggi ultravioletti ha smesso di assottigliarsi e nel 2050 sarà tornato ai livelli di oltre 30 anni fa.

Almeno questo è quanto prevede e promette uno studio realizzato dall'Onu, secondo cui "il Protocollo di Montreal firmato nel 1987 per controllare le sostanze che distruggono lo strato di ozono funziona".

L'ozono complessivamente, compreso quello sopra le regioni polari, non diminuisce più, ma ancora non sta aumentando, sostengono gli esperti.

Il fenomeno è considerato diretta conseguenza del divieto che il Protocollo di Montreal ha posto sui gas ritenuti responsabili del buco nell'ozono, come il cloro-fluorocarbonio (Cfc), in passato usato per far frigoriferi ed areosol.

Questi gas sono stati praticamente eliminati dalla catena di produzione, ma restano presenti nell'atmosfera come particelle inquinanti. Lo strato d'ozono dovrebbe tornare ai livelli degli anni ottanta entro il 2050, ad eccezione dei Poli, sostengono dall'Onu.

Anzi, il buco sull'Antartico potrebbe crescere ancora, come conseguenza dei cambiamenti climatici "che dovrebbero avere una crescente influenza sull'ozono stratosferico nei decenni a venire".

17 Settembre 2010

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 22 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password