Copertina

M'illumino di meno: oggi black-out volontario

Al buio i più importanti monumenti europei. La diretta dell'evento nel programma radiofonico Caterpillar su Radio2, che ha lanciato l'iniziativa

Le idee si muovono e muovono le coscienze. Le onde radio le trasmettono e a volte una radio e un programma possono fare anche di più. Di certo queste poche frasi di adattano perfettamente a Caterpillar, il noto programma di Radio2, e all'iniziativa per il risparmio energetico, ormai arrivata alla quarta edizione, "M'illumino di meno". Oggi, infatti, si svolge per la quarta volta la più grande giornata di mobilitazione internazionale sul tema a cui hanno aderito più di 8.000 tra persone e aziende in tutto il mondo. Dall'Italia alla Spagna, dalla Francia al Belgio, dall'Irlanda alla Germania, le luci si spegneranno. I principali monumenti europei saranno al buio e anche nelle case e negli uffici il consumo di energia sarà ridotto al minimo.

Da Roma a Bruxelles, passando per Parigi e le Andorre, il black-ou volontario coinvolgerà milioni di persone. Dopo il successo delle passate edizioni, Cirri e Solibello, i conduttori di Caterpillar, chiedono nuovamente ai loro ascoltatori di dimostrare come il risparmio sia una possibilità concreta e reale a cui attingere per superare i problemi energetici che assillano il nostro Paese e gran parte delle nazioni del pianeta. L'invito è facile da realizzare: basta spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili dalle ore 18,00. Semplici cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, astrofili, società sportive, gruppi scout, istituzioni, associazioni di volontariato, università, cral aziendali, ristoranti, negozianti e artigiani uniti per diminuire i consumi in eccesso e mostrare all'opinione pubblica come un altro utilizzo dell'energia sia possibile.

Nelle precedenti edizioni "M'illumino di meno" ha contagiato milioni di persone impegnate in un'allegra e coinvolgente gara etica di buone pratiche ambientali. Lo scorso anno il "silenzio energetico" coinvolse simbolicamente le piazze principali di tutt'Italia: a Roma si spensero il Colosseo, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, Montecitorio e Palazzo Madama, a Verona l'Arena, a Torino la Basilica di Superga, a Venezia Piazza San Marco, a Firenze Palazzo Vecchio, a Napoli il Maschio Angioino, a bologna Piazza Maggiore, a Milano il Duomo e Piazza della Scala, a Pisa Piazza dei Miracoli, a Siena Piazza del Campo, a Catania Piazza del Duomo, ad Agrigento la Valle dei Templi, e centinaia di altre piazze in centinaia di altri comuni grandi e piccoli, grazie al prezioso aiuto dell' Anci, l'Associazione nazionale dei comuni italiani.

Quest'anno la campagna di "M'illumino di meno 2008" è iniziata il 15 gennaio ed è durata per un mese fino ad oggi, vigilia dell'anniversario dell'entrata in vigore del protocollo di Kyoto, dando voce al racconto delle idee più interessanti e innovative, in Italia e all'estero, per razionalizzare i consumi d'energia e di risorse, dai piccoli gesti quotidiani agli accorgimenti tecnici che ognuno può declinare a proprio modo per tagliare gli sprechi. Sul sito internet del programma www.caterueb.rai.it, è possibile segnalare la propria adesione alla campagna, precisando quali iniziative concrete si metteranno in atto nel corso della giornata, in modo che le idee più interessanti e innovative servano da esempio e possano essere riprodotte dagli altri aderenti. Quest'anno la campagna "M'illumino di meno" è patrocinata dal ministero dell'Ambiente e dalla presidenza del Consiglio dei ministri.

Un'iniziativa che non si ferma al solo gesto di spegnere qualche lampadina di troppo o un elettrodomestico superfluo, ma che va oltre e tanta di creare una vera e propria coscienza ecologica per sviluppare buone abitudini e portare all'onore della cronaca un tema che sta diventando sempre di più stretta attualità. Un impegno che si declina anche in musica grazie all'inno "Brillo di più" dei Mau Mau e a cui ha dato la propria adesione anche il principe Carlo d'Inghilterra, famoso per la sue posizioni ambientaliste.

Alcuni esempi di adesioni per il 2008 sono quelli di Roma e Parigi, gemellate, dove saranno spente rispettivamente la Tour Eifel in Francia e il Colosseo, il Pantheon e la Fontana di Trevi nella Capitale dalle 18,00 alle 18,30.  Anche il Parlamento Europeo a Bruxelles e il Foreign Office di Londra, la ruota del Prater di Vienna e la Repubblica di Malta insieme al Principato di Andorra, parteciperanno. Anche a Padova ci saranno iniziative. Nella città veneta "M'illumino di meno" è stata scelta come giornata conclusiva della Settimana del clima organizzata in collaborazione con Legambiente, Bacino Padova 2, Appe.

Luci spente anche in Lombardia. Oltre al Grattacielo Pirelli, saranno al buio le sedi territoriali di Regione Lombardia e le sedi di Bruxelles e di Roma. Grazie alla campagna di sensibilizzazione promossa da Region, saranno coinvolti anche tutti i soggetti dei Tavoli territoriali regionali e i Consolati che hanno sede in Lombardia. Hanno infatti aderito Belgio, Uruguay, Santo Domingo, Lettonia, Namibia, Gambia, Armenia, Bangladesh, Svezia, Panama (che coinvolgeranno anche altri stabili adiacenti), Usa, Messico, Mauritius, Colombia, Islanda.

Un tema che si ripete in tutta Italia, dal nord al sud. In circa 500 comuni italiani che hanno aderito all'iniziativa dove si svolgerà un momento di interruzione della corrente simbolico in contemporanea. Dalle ore 18 alle 18,15, in contemporanea in tutti i comuni d'Italia coinvolti saranno spente le luci negli uffici comunali o in alcuni palazzi e monumenti simbolo per ciascuna comunità.

15 Febbraio 2008

Share |

La Giornata Mondiale per l'Ambiente

Anche il Papa richiama sullo spreco di beni alimentari

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni
Venerdì 29 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password