Focus

Biologico, in Italia è record di consumi

Ad affermarlo la Coldiretti sulla base dei dati di un'indagine Ismea AcNielsen. Le migliori performance si registrano nei prodotti per l’infanzia

Con un aumento record del 9% negli acquisti familiari i prodotti biologici trainano la ripresa sulle tavole degli italiani nel 2010.

Ad affermarlo la Coldiretti sulla base di dati Ismea AcNielsen sugli acquisti domestici di prodotti confezionati nel primo semestre del 2010, nel sottolineare che le migliori performance si registrano nei prodotti per l'infanzia (+31%), per il pane e i sostituti (+19%) e per i prodotti per la prima colazione (+17%).

Ad aumentare - sottolinea la Coldiretti - sono però tutte le diverse categorie di prodotto come il miele (+14%), i lattiero caseari (+11%), gli olii (+10%) le uova (+8%), la pasta e il riso (+8%) e le bevande (+6%).

In Italia - conferma Coldiretti - il biologico sviluppa un giro di affari stimato in tre miliardi di euro attraverso vendite al dettaglio in negozi specializzati, supermercati, vendite dirette delle aziende agricole e mercati degli agricoltori di campagna Amica verso i quali si registra un interesse crescente, per la mancanza di intermediazione che garantisce il miglior rapporto prezzo/qualità.

Nel 2009 si è verificato l'aumento del 32% delle aziende agricole dove è possibile acquistare direttamente (2.176), del 22% degli agriturismi e il boom dei mercati degli agricoltori evidenziati da Biobank, che confermano la forte crescita di un segmento della popolazione che non si accontenta di acquistare biologico, ma che vuole conoscerne anche la provenienza.

Di fronte a questa esigenza occorre anche intervenire - continua la Coldiretti - con misure di trasparenza per riconoscere la produzione nazionale introducendo al più presto il marchio del biologico italiano, come previsto dal regolamento comunitario, per consentire ai consumatori di fare scelte di acquisto consapevoli sulla reale origine del prodotto acquistato.

L'Italia ha la leadership in Europa per numero di operatori certificati impegnati nella filiera dell'agricoltura biologica e resta leader europeo per ettari di superficie coltivati secondo il metodo biologico (escludendo i boschi e i pascoli gestiti in biologico, in cui la Spagna primeggia), secondo i dati del Sinab divulgati dal Ministero delle Politiche Agricole al Sana.

Alle regioni del sud spetta il primato per superfici agricole condotte secondo il metodo biologico (Sicilia, Puglia e Basilicata) e per numero di aziende agricole biologiche (Sicilia, Calabria e Puglia) mentre al nord sono concentrate la maggior parte delle imprese di trasformazione (con il primato dell'Emilia Romagna e della Lombardia).

I principali orientamenti produttivi del biologico italiano (escluse le superfici a foraggi, prati e pascoli) riguardano, in ordine di importanza: i cereali, l'olivo, la frutta (compresa quella in guscio), la vite, gli agrumi e gli ortaggi.

10 Settembre 2010

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Giovedì 31 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password