Esteri

Energia dal mare, Cina studia come produrla

Avviata la costruzione di un centro di ricerca che servirà come base per le missioni sottomarine. Costerà 495 milioni di yuan (57 milioni di euro)

La Cina vuole sfruttare le fonti di energia presenti nelle profondità oceaniche, e per farlo ha avviato la costruzione di un centro di ricerca che servirà come base per le missioni sottomarine.

A riportare la notizia è Apcom. La base, in costruzione a Tsingtao (sulla costa centro-orientale), costerà 495 milioni di yuan (circa 57 milioni di euro) e si estenderà su circa 90 ettari, di cui 26 sulla terraferma.

Gli scienziati ritengono infatti che i fondali marini fra i 4.000 e i 6.000 metri di profondità contengano grandi quantità di metalli rari e di idrati di metano.

Questi ultimi sono una sorta di gas metano allo stato solido (a causa di temperatura e pressione), presenti in quantità immense e perciò molto promettenti come future fonti di energia.

Per questo la Cina ha lanciato nel 2002 un programma di ricerca, che ha coinvolto oltre 100 fra società e istituti di ricerca.

L'esplorazione delle risorse naturali sarà affidata al nuovo sommergibile Jiaolong, che avrà anche il compito di sperimentare le attrezzature progettate per le ricerche di profondità.

Il nuovo centro di ricerca servirà proprio come base operativa per le attività di Jiaolong. Si tratta di un natante sottomarino molto innovativo, che potrà scendere fino a 7.000 metri sotto il livello del mare.

Con questa missione, la Cina è diventata il quinto Paese ad aver portato un equipaggio umano al di sotto dei 3500 metri, dopo Stati Uniti, Francia, Russia e Giappone.

31 Agosto 2010

Share |
Il taglio del nastro

Le radici dell’Afghanistan

Il ruolo dell’agricoltura nella "transizione": la fattoria modello a Urdu Khan

Pechino punta a 21 Gw di solare nel 2015

Per sostenere la produzione di pannelli solari e l'eccesso di domanda

L'eco-city cinese accoglie i cittadini

Tianjin è stata costruita su una discarica e ospiterà 350mila abitanti

A Euro2012 vince la sostenibilità

Le maglie di Francia, Croazia, Polonia, Portogallo e Olanda sono più ecologiche

I consumatori pensano all'ambiente

Secondo la ricerca internazionale sponsorizzata dall'Onu a proposito di ecologia

Libano, verdi “caschi blu” all'opera

Forze italiane conducono un’intensa attività di cooperazione civile e militare
Lunedì 01 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password