Esteri

Eolico, Onu sospende finanziamenti a Cina

Dubbi sull'utilizzo della politica industriale per ottenere fondi. Lo stato finora è stato il maggiore beneficiario del “Clean development mechanism"

L'agenzia dell'Onu incaricata di gestire gli scambi della CO2 ha sospeso l'approvazione di decine di progetti di parchi eolici in Cina, sollevando dubbi sull'utilizzo della politica industriale per ottenere i fondi previsti dal meccanismo di incentivazione delle tecnologie pulite. La noizia è riportata da Apcom.

Finora la Cina è stato il maggiore beneficiario del cosiddetto "Clean development mechanism", sistema di scambio della CO2 ideato per dirottare fondi dai Paesi ricchi a quelli in via di sviluppo in cambio di tagli alle emissioni. Pechino ha ottenuto 153 milioni di crediti del valore di oltre un miliardo di dollari, quasi la metà del totale emesso sulla base del programma Onu negli ultimi cinque anni.

I Paesi industrializzati possono possono soddisfare parte degli obblighi previsti dal trattato di Kyoto in termini di riduzione delle emissioni di CO2 finanziando progetti che riducono le emissioni in paesi in via di sviluppo. Questi progetti ottengono crediti solo se viene dimostrato che altrimenti non sarebbero stati costruiti, la cosiddetta clausola di "addizionalità".

Il consiglio di amministrazione del Cdm, che ha sede a Bonn, ha cominciato a metà del 2009 a negare l'approvazione ai progetti eolici cinesi quest'estate, temendo che Pechino abbia ridotto il livello dei finanziamenti a questo tipo di progetti per ottenere più fondi dall'Onu. Secondo fonti industriali sono stati respinti circa 50 progetti e di dubbi sulla disponibilità dei fondi Onu nel futuro hanno bloccato altri investimenti dell'eolico.

03 Dicembre 2009

Share |
Il taglio del nastro

Le radici dell’Afghanistan

Il ruolo dell’agricoltura nella "transizione": la fattoria modello a Urdu Khan

Pechino punta a 21 Gw di solare nel 2015

Per sostenere la produzione di pannelli solari e l'eccesso di domanda

L'eco-city cinese accoglie i cittadini

Tianjin è stata costruita su una discarica e ospiterà 350mila abitanti

A Euro2012 vince la sostenibilità

Le maglie di Francia, Croazia, Polonia, Portogallo e Olanda sono più ecologiche

I consumatori pensano all'ambiente

Secondo la ricerca internazionale sponsorizzata dall'Onu a proposito di ecologia

Libano, verdi “caschi blu” all'opera

Forze italiane conducono un’intensa attività di cooperazione civile e militare
Venerdì 25 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password