Esteri

Anche la Cina taglierà: 45% in meno di CO2

Dopo l’annuncio degli Stati Uniti, anche la superpotenza asiatica si uniforma alle altre Nazioni e annuncia il contributo per ridurre i gas serra

Entro il 2020 la Cina abbasserà le emissioni inquinati rispetto al prodotto interno lordo del 40-45%, facendo riferimento a quelle del 2005.

Dopo l'impegno statunitense, che effettuerà tagli del 17% per arrivare entro il 2030 al 42%, anche la superpotenza asiatica esce allo scoperto impegnandosi per la prima volta a perseguire un obiettivo preciso.

L'annuncio è avvenuto attraverso l'agenzia ufficiale Nuova Cina: «Un'azione volontaria, presa dal governo cinese in funzione delle condizioni del Paese e un contributo importante agli sforzi mondiali per lottare contro i cambiamenti climatici».

Al prossimo incontro di Copenhagen sul clima, che si terrà dal 7 al 18 dicembre, per la Cina sarà presente il primo ministro Wen Jiabao e pur rimanendo prioritaria la crescita economica, come ha spiegato il principale negoziatore sul clima Xie Zhenhua, nonostante le enormi pressioni e le difficoltà, si intende affrontare la sfida con rigore e impegno aumentando gli investimenti nella ricerca per lo sviluppo di tecnologie a zero emissioni di carbone.

In realtà, come ha chiarito il ministro dell'Ambiente italiano Stefania Prestigiacomo, «la riduzione del 40% dei combustibili fossili in ralezione al Pil, significa in termini tecnici una riduzione del 20% come anche l'Unione europea si è impegnata a fare, ma rappresenta ugualmente una svolta».

«A Copenaghen non possiamo fallire, la conferenza deve chiudersi con un accordo vincolante», le ha fatto eco il collega agli Esteri Franco Frattini, ma ora, con l'impegno dei due maggiori produttori al mondo di gas serra, nella capitale danese ci sono tutti gli elementi per sperare in un accordo per un cambiamento di rotta.

27 Novembre 2009

Share |
Il taglio del nastro

Le radici dell’Afghanistan

Il ruolo dell’agricoltura nella "transizione": la fattoria modello a Urdu Khan

Pechino punta a 21 Gw di solare nel 2015

Per sostenere la produzione di pannelli solari e l'eccesso di domanda

L'eco-city cinese accoglie i cittadini

Tianjin è stata costruita su una discarica e ospiterà 350mila abitanti

A Euro2012 vince la sostenibilità

Le maglie di Francia, Croazia, Polonia, Portogallo e Olanda sono più ecologiche

I consumatori pensano all'ambiente

Secondo la ricerca internazionale sponsorizzata dall'Onu a proposito di ecologia

Libano, verdi “caschi blu” all'opera

Forze italiane conducono un’intensa attività di cooperazione civile e militare
Mercoledì 23 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password