Focus

Clima, nel 2010 battuti tutti i record di caldo

La temperatura media globale sulla terra e sugli oceani nell'anno in corso è la più elevata mai registrata dall'inizio delle rilevazioni nel 1880

La temperatura media globale sulla terra e sugli oceani del 2010 è stata finora la più elevata mai registrata nella storia delle rilevazioni iniziata nel 1880.

E' quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati preliminari raccolti dal National oceanic and atmospheric administration (Noaa's), relativi ai primi otto mesi dell'anno, dai quali si evidenzia che il risultato, a pari merito con il 1998, è il frutto dei record di sempre per il caldo raggiunti nei mesi di marzo, aprile maggio, giugno, del secondo posto del luglio e del terzo posto dell'agosto 2010.

In particolare, sottolinea la Coldiretti in una nota, la temperatura del periodo compreso tra gennaio ed agosto 2010 è stata di 58,5 gradi Fahrenheit (14,7 gradi Celsius), un valore di 1,21 gradi Fahrenheit superiore alla media del ventesimo secolo.

Secondo le elaborazioni Coldiretti su dati del National oceanic and atmospheric administration la temperatura media globale sulla terra e sugli oceani dei primi dieci anni del terzo millennio (2000-2009) è stata la più elevata mai registrata con un valore di 57,9 gradi Fahrenheit (14,389 gradi Celsius), superiore dello 0,3% a quella della decade precedente.

L'anno conferma quindi il trend al cambiamento del clima che ha provocato danni in molte parti del mondo con il verificarsi di eventi estremi in India, Cina, e Pakistan che hanno causato disastri e vittime ma anche condizionato gli andamenti stagionali e lo svolgimento delle attività agricole, come il crollo della produzione di grano in Russia.

Una situazione che spinge a confermare e ad incentivare l'impegno per contrastare i cambiamenti climatici ai quali, sostiene sempre la Coldiretti, possono contribuire modelli di consumo più responsabili che abbattono l'emissione di gas serra.

Occorre quindi non abbassare la guardia rispetto ai risultati positivi ottenuti nel 2009 con la riduzione per il sesto anno consecutivo le emissioni di gas serra in Europa, secondo il rapporto dell'European topic centre for air and climate change dell'European environment agency (Eea), che ha precisato che nei Paesi Ue 27 le emissioni del 2009 sono del 17,3% inferiori a quelle del 1990.

Un risultato che rende a portata di mano l'obiettivo di riduzione del 20% fissato per il 2020. In Italia, conclude Coldiretti, l'estate 2010 si classifica al quattordicesimo posto tra quelli le più calde degli ultimi 200 anni con una temperatura media 0,97 gradi più alta rispetto al periodo 1971-2000.

16 Settembre 2010

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Sabato 02 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password