Focus

«L'Italia riuscirà a rispettare Kyoto»

Lo afferma il presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile Edo Ronchi, che nel 1997 come ministro dell'Ambiente firmò il trattato

Raggiungere gli obiettivi di riduzione della CO2 posti all'Italia dal protocollo di Kyoto non è più una missione impossibile. Nel 2012, infatti, si riuscirà a ridurre le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto al 1990, come previsto dall'accordo internazionale, e, forse, anche di più.

Ad affermarlo è il presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Edo Ronchi, che nel 1997, come ministro dell'Ambiente, firmò il trattato sul clima. Tre, per Ronchi, i fattori che permetteranno di centrare l'obiettivo: la crisi economica, lo sviluppo delle rinnovabili, l'aumento dell'efficienza energetica.

Secondo lo studio elaborato dallo stesso Ronchi le emissioni di gas serra sono cominciate a calare in Italia già dal 2005. Da quest'ultimo anno fino al 2008, le emissioni sono calate di ben 35 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti.

Nel 2009, per effetto congiunto della crisi (prevalente), dell'aumento della quota di energie rinnovabili (+9,3% nel 2009) e di un miglioramento dell'efficienza energetica (si riduce il kilowattora per unità di Pil anche nel 2009) c'è stato un forte calo delle emissioni di CO2: pari a 36,3 milioni di tonnellate in un solo anno e, a fine anno, le emissioni erano scese del 3% rispetto al 1990.

Per arrivare all'obiettivo previsto dal Protocollo (483,3 MtonCO2 eq.) manca una riduzione di 19 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti. «Nei prossimi tre anni - dice Ronchi - anche solo con una riduzione media come quella in atto prima della crisi, si arriverà tranquillamente a centrare l'obiettivo. Anzi, molto probabilmente, anche senza conteggiare i meccanismi flessibili, la riduzione delle emissioni sarà ancor maggiore del 6,5% richiesto».

15 Febbraio 2010

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 02 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password