Esteri

Ambiente, cala ossigeno in profondità Oceani

L'allarme per la biodiversità marina arriva da uno studio che ha analizzato le "zone a ossigenazione minima" nel mare Arabico, nel Pacifico e non solo

La vita nelle zone profonde degli oceani, che hanno concentrazioni di ossigeno molto basse, è seriamente minacciata dai cambiamenti climatici globali, responsabili di un'ulteriore diminuzione dell'ossigeno.

E' quanto emerso da uno studio che ha analizzato la biodiversità nelle zone a ossigenazione minima (oxygen minimum zone o omz) nel mare Arabico, nel Pacifico orientale e nella baia del Bengala.

La ricerca, nell'ambito del progetto Hermione (Hotspot ecosystem research and man's impact on european seas), è stato finanziata dall'Unione Europea.

Le omz sono aree intermedie dell'oceano nelle quali la saturazione di ossigeno è ai livelli più bassi. Sono create dalla degradazione di materia organica proveniente dai livelli superiori delle acque, ricchi di ossigeno.

Questi livelli sono popolati da minuscole alghe marine e quando muoiono, e lentamente affondano verso il fondo dell'oceano, i batteri aerobici se ne cibano degradando la materia e consumando l'ossigeno.

A causa della mancanza di rimescolamento della colonna d'acqua (una colonna d'acqua ipotetica che va dalla superficie ai sedimenti del fondo), queste zone non vengono rifornite di ossigeno, il che porta alla formazione di omz a profondità che vanno dai 100 ai 1.000 metri.

Le parti centrali tendono a essere abbastanza stabili, cambiamenti stagionali o più a lungo termine possono invece provocare mutamenti ai loro confini e di conseguenza alla composizione della comunità.

I sedimenti in queste zone contengono comunque grandi quantità di materia organica. Di conseguenza costituiscono gli habitat ideali per alcuni microorganismi e specie di animali capaci di sopportare bassi livelli di ossigeno.

14 Aprile 2010

Share |
Il taglio del nastro

Le radici dell’Afghanistan

Il ruolo dell’agricoltura nella "transizione": la fattoria modello a Urdu Khan

Pechino punta a 21 Gw di solare nel 2015

Per sostenere la produzione di pannelli solari e l'eccesso di domanda

L'eco-city cinese accoglie i cittadini

Tianjin è stata costruita su una discarica e ospiterà 350mila abitanti

A Euro2012 vince la sostenibilità

Le maglie di Francia, Croazia, Polonia, Portogallo e Olanda sono più ecologiche

I consumatori pensano all'ambiente

Secondo la ricerca internazionale sponsorizzata dall'Onu a proposito di ecologia

Libano, verdi “caschi blu” all'opera

Forze italiane conducono un’intensa attività di cooperazione civile e militare
Mercoledì 23 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password