Focus

CO2: atmosfera satura, temperature a più sei

Uno studio, pubblicato su Nature Geoscience, dimostra per la prima volta come al ritmo attuale il tetto dei 2-3 gradi di aumento sarà presto sfondato

L'ambiente non è più capace di assorbire le emissioni di anidride carbonica. In molti lo avevano predetto, ma oggi uno studio internazionale lo dimostra per la prima volta. Trentuno scienziati, da sette nazioni diverse, lo hanno pubblicato online sulla rivista Nature Geoscience. Se non si interverrà - dicono -, la temperatura globale è destinata a crescere fin di sei gradi, invece che di due o tre, come si è sempre ritenuto.

Negli ultimi cinquant'anni, terreno e oceani hanno continuato infatti ad assimilare CO2, ma solo in parte e con un residuo medio annuo pari al 43% del totale di emissioni. Dal 1958, però, questa frazione rimasta nell'atmosfera ha mostrato una tendenza in aumento, passando dal 40% al 45%: segno, rilevano gli autori della ricerca, di una perdita di efficienza delle riserve naturali, veri e propri pozzi.

Altro dato importante evidenziato dall'indagine è che la crisi non inibisce affatto la produzione di gas serra. Nel 2008, le emissioni sono comunque aumentate del 2%; e per il 2009 si prevede un ritorno ai livelli del 2007, seguito poi da un nuovo aumento nel 2010. La principale causa è da riscontrarsi nell'utilizzo del carbone per produrre energia, con il risultato che ora i Paesi in via di sviluppo emettono più gas serra rispetto ai Paesi industrializzati. In particolare, Cina e India, dal 1959, hanno più che raddoppiato la propria produzione di anidride carbonica.

Inoltre oggi, dopo il mancato accordo tra Cina e Usa sulla riduzione delle emissioni, un nuovo problema è rappresentato dal fatto che la conferenza di Copenhagen appare già destinata a fallire in partenza, ciò che rischia di relegare nel dimenticatoio non solo gli studi vecchi, ma anche quelli nuovi.

18 Novembre 2009

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 29 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password