Esperienze

Clima, piccoli comuni europei a emissioni zero

Via al progetto “ZeroCO2” che coinvolge Italia, Spagna, Portogallo e Grecia. Primi centri interessati sulla Penisola Bagnone, Comano, Fivizzano

Per ridurre le emissioni di anidride carbonica e contrastare i cambiamenti climatici è meglio partire dal basso o meglio dal piccolo.

Ne sono convinte Italia, Spagna, Portogallo e Grecia che hanno dato il via (nell'ambito del Programma Med finanziato dalla Commissione europea, al progetto ZeroCO2 per la creazione di piccoli comuni a zero emissioni.

Per l'Italia i partner sono Legambiente e Kyoto Club, capofila è la provincia di Massa Carrara con i comuni di Bagnone, Comano e Fivizzano.

I comuni della Grecia invece sono Paros, Sifnos e Hermoupolis, della Spagna l'Alcúdia e Montortal mentre del Portogallo, Marvão, Fronteira, Gavião, Alter do Chão, Avis e Nisa.

L'idea del progetto, che avrà la durata di due anni, è quella di sviluppare una collaborazione tra enti locali, Agenzie per l'energia e partner privati (Esco- Energy service company) capace di realizzare un piano energetico a zero emissioni e a costo zero per i piccoli comuni europei.

Il coinvolgimento delle aziende che offrono servizi di efficienza energetica, infatti, permetterà di realizzare senza costi per i comuni, interventi di efficientamento che consentiranno nel lungo periodo un risparmio economico derivante dall'abbattimento dei costi energetici, che sarà reinvestito in ulteriori interventi di riduzione delle emissioni.

«I piccoli comuni sono sempre più spesso i laboratori ideali per sviluppare pratiche virtuose in campo energetico - ha detto il responsabile energia di Legambiente Edoardo Zanchini - ma è fondamentale che abbiano fondi per fare interventi mirati nel campo dell'efficienza energetica e affinare le competenze tecniche per lo sviluppo di fonti pulite».

Parte integrante del progetto anche una campagna di sensibilizzazione presso i cittadini e i decisori politici locali per promuovere una maggiore efficienza energetica, la cultura dell`acquisto energeticamente consapevole ma anche lo sviluppo delle fonti pulite e la green economy.

Laboratori all'interno delle scuole faranno avvicinare i giovani alle tematiche della sostenibilità energetica e delle fonti rinnovabili attraverso dimostrazioni, laboratori e giochi mentre workshop per gli imprenditori locali illustreranno i vantaggi di una maggiore efficienza energetica nei processi produttivi.

18 Giugno 2010

Share |

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

L’Envirofestival, musica per l'ambiente

Il 26 primo concerto di Audiomatica, Munendo, Uforomeo, dei R.I.M e Anotherule

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni

Il decalogo "salva-spiaggia" del Wwf

La sostenibilità in 10 mosse nei gesti della vita quotidiana in vacanza
Giovedì 24 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password