Copertina

Tecnologie pulite per i Paesi Poveri

Dagli Usa un piano per le nazioni in via di sviluppo. Stanziati 350 milioni di dollari nei prossimi cinque anni. Partecipano anche Australia e Italia

Un piano per lo sviluppo delle tecnologie pulite nei Paesi in via di sviluppo, che prevede lo stanziamento di 350 milioni di dollari nei prossimi cinque anni.

Questa l'iniziativa messa in piedi dagli Stati Uniti - riportata da Apcom - che verrà presentata oggi dal segretario americano all'Energia e premio Nobel per la fisica, Steven Chu.

L'iniziativa dell'amministrazione Usa e di altri Paesi industrializzati - tra cui l'Italia e l'Australia - mira ad aiutare i Paesi più poveri a ridurre i consumi di energia e le emissioni di gas a effetto serra.

«Non importa quali promesse saranno fatte qui a Copenaghen - ha detto Paul Bledsoe, portavoce della Commissione nazionale delle politiche energetiche - una cosa è certa: le emissioni globali di gas nocivi non possono essere tagliate senza lo sviluppo di tecnologie pulite».

14 Dicembre 2009

Share |

La Giornata Mondiale per l'Ambiente

Anche il Papa richiama sullo spreco di beni alimentari

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni
Lunedì 28 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password