Copertina

Gli Stati Uniti puntano sulle mucche catalitiche

Il ministro dell'Agricoltura Tom Vilsack, punta a convincere gli allevatori ad acquistare un macchinario che trasforma in elettricità il letame bovino

COPENHAGEN - Non intendono tagliare più del 4% degli scarichi di CO2 rispetto al 1990, sfigurando rispetto al 20% messo sul piatto dall'Unione europea e al 25% promesso da Russia e Giappone. Ma se non altro gli Stati Uniti sono disposti ad agire per ridurre le emissioni delle loro mucche.

Lo ha annunciato il ministro dell'Agricoltura Tom Vilsack, illustrando un accordo che punta a convincere gli allevatori statunitensi ad acquistare un macchinario che trasforma in elettricità il letame bovino, evitando che rilasci metano nell'atmosfera.

L'uso di questa tecnologia è vincente per tutti, ha assicurato Vilsack, citato dall'Associated Press a margine della Conferenza Onu sul clima di Copenaghen. Il problema è che solo i grandi allevatori potranno permettersi la tecnologia, mentre il 77% degli agricoltori negli Usa possiede meno di 100 capi di bestiame. Negli Stati Uniti, il più grande inquinatore a livello mondiale, il settore agricolo è responsabile del 7% delle emissioni nazionali di gas serra.

Alvise Armellini

16 Dicembre 2009

Share |

La Giornata Mondiale per l'Ambiente

Anche il Papa richiama sullo spreco di beni alimentari

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni
Sabato 30 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password