Copertina

Cittadini in piazza prima del vertice

Manifestazioni nel Regno Unito, in Irlanda, Francia, Belgio e Germania. Intanto il presidente Usa fa sapere che arriverà a Copenhagen l'ultimo giorno

I cittadini si mobilitano in vista dell'incontro sul clima di Copenhagen. In diverse città in Europa sono state organizzate manifestazioni per dare voce al nostro Pianeta, sperando che i politici di tutto il mondo, dal 7 al 18 dicembre, prendano decisioni responsabili e lungimiranti.

Nel Regno Unito, in Irlanda, in Francia, Belgio e Germania, migliaia di persone si sono riversate pacificamente in piazza in modi diversi e variopinti.

A Berlino alcuni attivisti hanno simulato un incontro dei leader mondiali all'interno di un acquario; con il passare dei minuti l'acqua ha cominciato a salire fino a sommergerli, per testimoniare il rischio che si sta correndo per il progressivo sciogliersi dei ghiacci e il conseguente innalzamento delle acque.

Londra ha visto anche la partecipazione dell'arcivescovo di Canterbury, Roland Williams, e l'arcivescovo Vincent Nichols, per la chiesa cattolica in Inghilterra e Galles, che insieme hanno celebrato una messa ecumenica a Westminster.

Le preghiere dei partecipanti hanno preso poi vita nelle strade con un corteo diretto verso il Parlamento, cui si è unito lo stesso premier britannico Gordon Brown. Quest'ultimo è certamente in linea con il pensiero dei partecipanti e ha ribadito quanto sia «essenziale» che a Copenaghen venga definito un accordo vincolante sulle limitazioni dei gas a effetto serra.

Intanto il presidente americano Barack Obama ha fatto sapere, tramite un comunicato della Casa Bianca, che la sua partecipazione al summit di Copenhagen sarà spostata al 18 dicembre, ultimo giorno dei lavori.

In un primo momento il presidente sarebbe dovuto arrivare il 9, il giorno precedente al viaggio a Oslo per il ritiro del premio Nobel per la pace, cui Obama è stato insignito. Ma l'ultimo giorno del vertice è stato considerato più appropriato e produttivo per una felice riuscita. «Vi sono ancora questioni aperte che devono essere negoziate per poter raggiungere un accordo - concludeva la nota - ma questa decisione riflette l'impegno del presidente a fare tutto il possibile per perseguire un risultato positivo».

 

06 Dicembre 2009

Share |

La Giornata Mondiale per l'Ambiente

Anche il Papa richiama sullo spreco di beni alimentari

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni
Martedì 22 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password