Focus

Italia: ultima per efficienza energetica nell'Ue

Sono i risultati del "Rapporto sull'efficienza energetica nei paesi europei. La situazione dell'Italia", presentati questa mattina da Enea e da Ademe

L'Italia è la maglia nera europea nello sviluppo di tecnologie per l'efficienza energetica e l'Europa a 15 (i Paesi che fanno parte dell'Unione europea prima dell'ondata del 2004 e del 2007) «ha la più bassa intensità energetica rispetto ad altre aree geopolitiche, cioè la minore quantità di energia per unità di ricchezza prodotta, e la tendenza è verso ulteriori diminuzioni». Sono questi alcuni dati emersi dal rapporto sulle situazioni e i trend relativi all'efficienza energetica nei Paesi dell'Unione europea a 15 presentato oggi a Roma da Enea e Ademe (Agence de l`environment de la maitrise de l'energie).

Dal rapporto emerge anche che l'Italia ha un'intensità energetica totale tra le più basse in Europa, ma diversamente dal resto dei Paesi Ue «dal 1990 ad oggi, a livello generale, non ha fatto registrare grandi miglioramenti». Il report di Enea e Ademe, spiega una nota, analizza le misure adottate e i risultati conseguiti dai singoli Paesi europei a seguito delle direttive Ue in campo energetico e ambientale per il raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto. L'Unione Europea, ricorda l'Enea, ha varato nel 1993 il progetto "Odyssee", coordinato da Ademe e a cui l'Enea partecipa, per l'analisi dell'andamento della situazione italiana relativa all'efficienza energetica.

Per ognuno dei 15 Paesi membri sono stati presi in esame i dati relativi al periodo 1990-2005 su intensità energetica, efficienza energetica ed emissione di Co2, relativamente al sistema energetico nazionale e al consumo finale delle fonti di energia, nei diversi settori di impiego: trasporti, civile e Industria. L'obiettivo, rileva l'Enea, è individuare politiche e misure per migliorare l'efficienza.  Tutti i dati dei Bilanci energetici nazionali, le grandezze economiche, demografiche, fisiche e strutturali confluiscono in un apposito Data base del progetto "Odyssee", che effettua le elaborazioni, basate su metodologie statistiche e di calcolo uniche applicate alla realtà di ciascun Paese per permettere un'analisi comparata a livello europeo degli indicatori di efficienza energetica. 

Per quel che riguarda l'Italia, queste le principali tendenze emerse. Nel settore industriale, l'intensità energetica «è aumentata complessivamente di circa lo 0,3% medio annuo dal 1990, con un picco negli ultimi quattro anni, anche per effetto dei cambiamenti strutturali intervenuti». E' diminuita pertanto
l'efficienza energetica, «con una tendenza è invece «leggermente migliorata dal 1990 ad oggi, con un tasso medio annuo dello 0,7%, al di sotto del miglioramento avutosi per l'Ue-15». Nel settore dei trasporti, infine, l'efficienza energetica «è migliorata solo dello 0,3% medio annuo, tenuto conto che i consumi energetici dal 1990 ad oggi - sottolinea l'Enea - sono aumentati in tutti i Paesi Ue, pur con un miglioramento globale dell'efficienza energetica pari allo 0,7% medio annuo».

25 Febbraio 2008

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 02 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password