Focus

Fonti rinnovabili: l'Ue premia l'Enea

La Commissione europea ha assegnato l'Award See a "Desiree-Net", progetto di formazione a distanza sulle nuove energie coordinato dall'Ente italiano

In occasione della Settimana dell'Energia Sostenibile 2008, organizzata dall'Unione europea dal 28 gennaio al 1 febbraio, la Commissione europea ha assegnato il premio "Award See - Campagna per l'energia sostenibile per l'Europa" (nella categoria "Programmi di cooperazione") al progetto "Desiree-Net". Si tratta di un programma di formazione a distanza sulle energie rinnovabili, ormai operativo già dal 2006, nato da un'idea dell'ufficio Unesco(Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura) di Venezia e coordinato dall''Enea.

«Obiettivo di Desiree (Development and Sustainability with International Renewable Energies Network, ndr) - sottolinea Anna Moreno, coordinatrice del progetto - è quello di trasferire conoscenza e tecnologie ai Paesi in via di sviluppo: dall'Europa Orientale all'Africa, dalla Turchia alla Cina, utilizzando la tecnologia dell'e-learning con il contributo di esperti del settore». Il progetto è rivolto a decision makers, progettisti e operatori di impianto, per creare le condizioni necessarie alla messa in opera della filiera del mercato delle energie rinnovabili.

«Il metodo utilizzato per questi corsi - continua la Moreno - prevede sia lezioni in cui i partecipanti hanno la possibilità di frequentare una classe con un docente che effettua la lezione a distanza con l'opportunità di fare 15 minuti di domande alla fine (lezioni sincrone), che lezioni in cui gli studenti possono autoformarsi e verificare la propria preparazione, accedendo a un corso multimediale in rete e rispondendo alle domande predisposte dagli insegnanti (lezioni asincrone). In pratica in ogni capitale è stato costituito un "punto di ascolto" dove il referente locale, individuato da Unesco, gestisce la classe degli studenti sia dei corsi sincroni che di quelli asincroni».

Le lezioni riguardano la progettazione e la diffusione delle fonti rinnovabili (solare, termico, idrogeno, eolico, biomasse, geotermico e fotovoltaico), il Protocollo di Kyoto, l'edilizia sostenibile e gli scenari energetici, per promuovere la conoscenza di queste realtà, realizzare e sostenere progetti locali, coinvolgendo anche aziende produttrici di nuove tecnologie che possano così far conoscere le proprie competenze in materia.

Cristina Califano

31 Gennaio 2008

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 29 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password