Focus

Energia verde al 100%? Si può fare in vent'anni

Lo dice uno studio condotto negli Usa. Entro il 2030 l'intero fabbisogno mondiale potrebbe essere assicurato con quattro milioni di pale eoliche

Possono le energie rinnovabili nell'arco di un paio di decenni sostituire completamente le fonti fossili? Una prospettiva simile non è presa in considerazione da nessun governo, neppure da quelli che puntano con maggiore decisione sullo sfruttamento delle fonti rinnovabili.

Le strategie adottate sono pressoché simili in tutto il mondo, e consistono nell'accrescere il peso delle tecnologie rinnovabili in un quadro di diversificazione energetica e nella consapevolezza che il ruolo delle fonti fossili, per quanto in declino, rimarrà centrale ancora per molto tempo nell'approvvigionamento energetico.

Uno studio condotto da ricercatori americani della University California Davis e della Stanford University, rovescia questa prospettiva e tende a dimostrare che, in via teorica, già entro il 2030 l'intero fabbisogno energetico mondiale potrebbe essere assicurato dalle fonti rinnovabili, e in particolare da eolico e solare, fornendo in tal modo una risposta decisiva in tempo utile alla necessità di stabilizzare le emissioni dannose per il clima.

Secondo lo studio per assicurare alla popolazione mondiale una fornitura energetica ricavata unicamente dalle rinnovabili occorrerebbe installare 4 milioni di turbine eoliche di grande taglia (5 MW ciascuna), 90.000 impianti solari anch'essi di grande taglia (almeno 300 MW ciascuno) e 1,7 miliardi di impianti fotovoltaici da 3 kW sui tetti delle case (praticamente un tetto fotovoltaico ogni quattro persone).

Lo studio volutamente ignora la biomassa (la fonte rinnovabile che oggi detiene la maggior quota nel mix energetico mondiale) e il nucleare, giudicati per motivi diversi troppo problematici.

Uno spazio significativo è invece riservato all'idroelettrico (che dovrebbe coprire il 4% della domanda globale, con modesta espansine rispetto all'installato attuale per esigenze ambientali e di impatto sociale) al geotermico e all'energia delle onde e delle maree (che insieme dovrebbero soddisfare il 6% della domanda).

Inoltre si dovrebbe puntare sull'efficienza, cosa peraltro che - secondo lo studio - sarebbe naturalmente agevolata dalla conversione di tutti gli impianti termici e dei motori a combustione nei molto più efficienti motori elettrici.

Lo studio analizza anche i collaterali e rilevanti problemi legati all'uso dei materiali e allo stoccaggio dell'energia elettrica. Proponendo soluzioni che ai relatori appaiono comunque realizzabili nel giro di vent'anni.

21 Gennaio 2011

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 02 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password