Territori

Rinnovabili, Ue supererà suo obiettivo nel 2020

Lo dice l'Ewea, l'associazione europea dei produttori di energia eolica: 15 stati supereranno il loro target. Solo Italia e Lussemburgo sotto il 20%

L'obiettivo dell'Unione europea di ottenere entro il 2020 dalle fonti rinnovabili il 20% dell'energia necessaria a soddisfare i propri consumi sarà non solo raggiunto, ma superato.

E' quanto prevede l'Ewea, l'associazione europea dei produttori di energia eolica, secondo la quale i piani nazionali messi a punto dai 27 membri consentiranno di arrivare al 2020 con il 20,7% della domanda energetica europea coperta dalle rinnovabili, mentre salirà al 34% il loro contributo al soddisfacimento della domanda elettrica.

L'analisi svolta sui singoli stati porta l'Ewea a ritenere che saranno ben 15 gli Stati europei che nel 2020 supereranno il loro target nazionale. I risultati più significativi saranno raggiunti dalla Bulgaria, che migliorerà del 2,8% il proprio obiettivo, dalla Spagna (+2,7%) e dalla Grecia (+2,2%).

Altri 10 stati centreranno il loro obiettivo ma senza superarlo, mentre saranno soltanto due Paesi membri della Ue - Italia e Lussemburgo - a rimanere al di sotto del loro target nazionale e a dover ricorrere a meccanismi di compensazione per rispettare l'impegno.

L'Italia fallirà il traguardo con un risultato di -0,9%, mentre per il Lussemburgo il risultato sarà ancora più negativo: -2,1%.  In termini di capacità installata l'energia eolica si porterà a 213.000 MW e la sua produzione di energia elettrica crescerà del 4,9%, arrivando nel 2020 a 494 miliardi di kWh, pari al 14% della domanda elettrica europea.

A quella data sarà l'Irlanda il paese con il più elevato contributo proveniente dalla fonte eolica (36,4% sul totale dei consumi elettrici), seguita dalla Danimarca (31%).

Secondo una recente relazione della Commissione Europea, nel decennio 2011-2020 l'eolico metterà a segno la crescita più significativa in termini di potenza installata, rappresentando il 41% della nuova capacità.

 

Alessandro Noto

10 Gennaio 2011

Share |

Parco delle Madonie, occasione mancata?

Sabato 8 giugno i Lions Club Cefalù e Madonie intervengono sulle tematiche

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro
Sabato 30 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password