Focus

Eurobarometro: europei più attenti all'ambiente

Il sondaggio pubblicato dalla Commissione europea fa emergere una crescente sensibilità alle tematiche ambientali. Italiani preoccupati dal clima

Da un sondaggio Eurobarometro, strumento della Commissione europea per compiere ricerche mirate a conoscere e capire gli atteggiamenti dei cittadini europei, emerge una loro crescente sensibilità alle tematiche ambientali. L'indagine è stata portata avanti in 27 Stati membri della Ue e ha coinvolto circa 27mila persone in interviste face-to-face tra novembre e dicembre 2007. Dall'analisi emerge che oltre il 95% degli europei sente l'importanza di proteggere l'ambiente e che circa l'80% ritiene che la sua conservazione incida sulla qualità della vita e che per questo ha un ruolo nella sua tutela.

Il tema che più preoccupa la popolazione europea riguarda i cambiamenti climatici, seguito dall'inquinamento e dalle catastrofi provocate dalle attività umane. Ancora, l'uso degli organismi geneticamente modificati mette in allarme il 58% degli intervistati, al contrario di un 21% che si dichiara addirittura favorevole. I cittadini Ue manifestano una certa disponibilità ad acquistare prodotti ecologici, nonostante questi implichino una spesa maggiore. Attualmente, però, solo il 17% circa sostiene di aver effettivamente comprato prodotti ecologici nel mese precedente e quasi il 60% dichiara di voler consumare tale tipo di prodotti, ma di non averlo ancora fatto.

Quasi due terzi degli europei (63%) ritiene che la tutela dell'ambiente costituisca un motore dell'innovazione tecnologica, più che un ostacolo al suo sviluppo (16%). Il 64% crede che sia necessario privilegiare la protezione dell'ambiente rispetto alla competitività economica, al contrario del solo 18% che pensa che quest'ultima sia più importante; così come più dei due terzi reputa che si debba valutare il progresso dei singoli Paesi a partire da indicatori sociali, ambientali ed economici, più che solo sulla base di indicatori economici e monetari. Infine, da bravi cittadini dell'Europa unita, circa i due terzi di coloro che hanno risposto al sondaggio ritengono che sia giusto prendere decisioni in materia ambientale all'interno dell'Ue più che a livello nazionale.

E gli Italiani cosa hanno affermato in proposito? I nostri connazionali associano le problematiche ambientali soprattutto all'inquinamento presente nelle città e le cinque tematiche che più li preoccupano sono i cambiamenti climatici, l'inquinamento dell'atmosfera e i disastri provocati dall'uomo, l'inquinamento delle acque, le catastrofi naturali. Un'importante parte della nostra popolazione, superiore ai valori europei, è consapevole che gli effetti dei problemi ambientali incidono direttamente sulla vita quotidiana. Inoltre, chi studia risulta essere più predisposto all'acquisto di prodotti ecologici con un dato leggermente al di sopra della media europea. Infine, gli italiani stanno cominciando a mettere in atto comportamenti pro-ambiente, anche se in una percentuale inferiore rispetto alla media Ue; in particolare, l'attività più portata avanti è quella della separazione dei rifiuti per il loro riciclaggio.

Cristina Califano

14 Marzo 2008

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 29 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password