Focus

Fotovoltaico, valore aggiunto e occupazione

Uno studio commissionato da Asso Energie Future dimostra come, a fronte di un minimo aggravio, si potrebbero ricavare dal settore ingenti vantaggi

Secondo uno studio sul fotovoltaico commissionato da Asso Energie Future ad I-Com (Istituto per la Competitività), in Italia, se si vorranno rispettare gli obiettivi europei, bisognerebbe al 2020 aver realizzato installazioni per almeno 9.000 Megawatt.

Le ricadute sulle tasche dei cittadini consisterebbero in un aggravio compensativo sulle bollette di circa due euro mensili per nucleo familiare, a fronte però - come precisato dagli autori del prospetto - di un cospicuo vantaggio, calcolabile in un totale di 22 miliardi euro di valore aggiunto e 45.000 nuovi posti di lavoro nei prossimi vent'anni.

Se poi si riuscisse a realizzare una filiera industriale nazionale, il valore aggiunto potrebbe salire a 110 miliardi e i posti di lavoro a 210.000, con benefici sulla finanza pubblica che, grazie all'imposizione indotta, andrebbero dai 6,6 miliardi della raccolta attuale a quasi 31 miliardi di euro in presenza di una forte industria nazionale di settore.

Il cui sviluppo, dunque, oltre a promettere come si è visto forti ritorni economici per tutto il sistema paese, porterebbe pure notevoli benefici dal punto di vista ambientale, con una riduzione delle emissioni pari a sei milioni di tonnellate, imputabili al drastico taglio (5%) dei combustibili fossili utilizzati per la generazione elettrica.

21 Gennaio 2010

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Mercoledì 30 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password