Focus

Fotovoltaico, calo 2011
ma soltanto in Europa

Previsioni Solarbuzz: pesano i tagli tariffari che hanno interessato il sistema di incentivazione. Per contro aumenta quota di Usa e mercati asiatici

I tagli tariffari che hanno interessato il sistema di incentivazione del fotovoltaico stanno rallentando la corsa del mercato in Europa.

In particolare, in Germania, che rappresenta il primo mercato europeo, la domanda nel primo trimestre di quest'anno è diminuita di oltre la metà rispetto al corrispondente periodo del 2010.

Secondo le ultime previsioni formulate da Solarbuzz, dopo la grande crescita verificatasi nel 2010 (+170% rispetto al 2009), il mercato europeo registrerà un calo sensibile, particolarmente forte nel settore dei grandi impianti a terra.

Parallelamente il continente europeo perderà posizioni nel mercato fotovoltaico globale, scendendo dall'82% detenuto nel 2010 a circa il 65% nel 2011. Per contro, aumenterà al 9% la quota degli Stati Uniti (5% nel 2010) e quella dei mercati asiatici.

In particolare, i primi cinque mercati dell'area Asia-Pacifico (Giappone, Cina, India, Corea del sud e Australia), che hanno rappresentato l'11% della domanda mondiale nel 2010, cresceranno fino al 16% alla fine dell'anno in corso. La loro quota, inoltre, è destinata ad aumentare costantemente e si prevede che possa raggiungere il 26% del mercato mondiale entro il 2015.

La crescita dei mercati asiatici sarà trainata da Cina e Giappone. In quest'ultimo Paese, che rappresenta oggi il primo mercato dell'area asiatica, la domanda del solare fotovoltaico è cresciuta nel 2010 del 111%, sostenuta in particolare dalla domanda residenziale che è stata pari all'82% del totale.

Il forte sostegno politico che il governo giapponese ha offerto a questa tecnologia già prima del disastro di Fukushima fa prevedere che il mercato aumenterà nel 2011 la sua capacità fotovoltaica installata per un valore compreso tra i 1.300 e i 1.500 MW.

Anche gli Stati Uniti, secondo l'analisi di Solarbuzz, continueranno a guadagnare posizioni nel mercato mondiale fotovoltaico. Entro il 2015 la loro quota potrebbe arrivare al 14%.

04 Luglio 2011

Share |

Articoli correlati

L'Ue boccia l'Italia sul decreto rinnovabili

La Commissione ha sancito che il nuovo sistema di incentivi non garantisce l'accesso ai fondi per i piccoli e medi imprenditori

Troppe discariche, Europa contro l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per i circa centodue siti non conformi alla direttiva 1999, di cui tre pericolosi

Mezzi elettrici, vendite per un milione nel 2015

Ad affermarlo è lo studio dell'IHS Business Supplier Automotive. A contribuire sarà soprattutto il boom del mercato cinese



Eolico: investimenti milionari in Ue nel 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi sono stati spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 megawatt. Calano le installazioni a petrolio e quelle nucleari

Global warming, indice puntato contro il sole

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta. Temperatura innalzata di 0,8 gradi negli ultimi 50 anni

Educazione ambientale a scuola con Assovetro

Al via la quinta edizione del concorso che vedrà gli studenti protagonisti di un racconto a tema su questo tipo di materiale. Incipit di Stefano Benni

Solare, italiani sempre più propensi a utilizzo

Lo sostiene un recente rapporto di IPR Marketing che conferma la crescita esponenziale del settore. Ma siamo carenti in fatto di informazione

Venezia, Ecolamp illumina il Carnevale

Per il terzo anno consecutivo il Consorzio parteciperà all’evento, diffondendo la cultura della sostenibilità tra grandi e piccini che parteciperanno

Acque, Ue individua 15 nuovi inquinanti

Ci sono, tra gli altri, prodotti industriali e fitosanitari. E’ la prima volta che Bruxelles chiede di introdurre farmaci tra le sostanze a rischio

I prodotti del territorio per contrastare il gelo

Dalla vitamina D, facilmente reperibile in pesce, latte e uova, ai legumi: ecco alcuni consigli alimentari per supportare il fisico con il freddo

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Giovedì 21 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password