Focus

Fusione nucleare: possibile col magnete

I ricercatori del Mit e della Columbia university sono riusciti ad avvicinare atomi di deuterio. Si apre una nuova strada nella ricerca atomica

L'energia nucleare prodotta dalla "fusione" potrebbe essere una realtà grazie a un grosso magnete sospeso in aria. Finora l'unica energia prodotta dalle centrali nucleari è ricavata dalla "fissione", ossia a seguito della separazione degli atomi.

La "fusione" - la stessa che alimenta il sole e le stelle - rappresenta la nuova frontiera, perché grazie all'unione dei nuclei degli atomi si produrrebbe una quantità pressoché infinita di energia annullando quasi completamente il problema della scorie radioattive presente nella fissione, ineliminabili e altamente inquinanti.

Con il progetto Levitated dipole experiment (Ldx), i ricercatori del Mit e della Columbia university, sperano di aver intrapreso la strada giusta. Costruendo un enorme magnete fatto a forma di ciambella, che riesce a rimanere sollevato da terra per il fortissimo campo magnetico, sono riusciti a contenere all'interno un plasma di deuterio più denso (atomi leggeri necessari per la fusione) portandoli a una temperatura di 10 milioni di gradi centigradi.

E' la prima volta che un evento del genere è stato riprodotto in laboratorio, il problema infatti è riuscire ad avvicinare fino a fondere nuclei di atomi che per natura si respingono, ma le temperature e le pressioni altissime necessarie per farlo, sono fenomeni che avvengono solo nello spazio.

Due sono gli elementi nuovi e fondamentali che aprono una nuova strada nella sperimentazione: il campo magnetico generato dall'enorme calamita, non subisce alcuna distorsione o alterazione, che potrebbe provocare invece un sostegno; la scelta dell'utilizzo del solo deuterio e non insieme ad atomi più pesanti, come generalmente si sta cercando di fare nella fusione.

27 Gennaio 2010

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 02 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password