Copertina

Prestigiacomo: l'accordo G8 sul clima è positivo

Il ministro dell'Ambiente ha commentato in esclusiva alle telecamere di LifeGate i primi risultati del vertice de L'Aquila sui cambiamenti climatici

Il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo ha commentato in esclusiva alle telecamere della piattaforma di sharing ecologico di LifeGate http://www.youimpact.it/ i risultati del G8, sottolineando l'importanza dell'aggregazione degli Stati Uniti agli impegni di riduzione delle emissioni e dell'accordo sul clima degli Otto grandi al vertice de L'Aquila.

«Il 2009 è l'anno dei cambiamenti climatici. Il G8 all'Aquila è un appuntamento strategico per trovare un accordo politico globale in vista del summit dell'Onu di dicembre a Copenaghen - ha spiegato Prestigiacomo - Il risultato del G8 per le tematiche ambientali è positivo, anche perché sono stati affrontati anche altri aspetti legati alle problematiche ambientali, come quello della biodiversità del G8 ambiente di Siracusa. La nuova amministrazione americana ha dato una spinta fortissima a questa battaglia. E' innegabile. Sappiamo bene che senza la partecipazione dei grandi inquinatori attuali e potenziali, queste battaglie sono impossibili da vincere. Il sì degli Usa dà più forza all'Ue».

«Ridurre le emissioni al 2050 - come stabilisce l'accordo del G8 con un taglio dell'80% della CO2 per i Paesi industrializzati - può apparire una cosa che scarica le responsabilità alle future generazione, ma sappiamo che è impossibile realizzare questo obiettivo se non si lavora da subito. Quando si parla di tagli alle emissioni si parla di stabilire a livello mondiale tra la parte sviluppata e quella in via di sviluppo un grande accordo sullo sviluppo sostenibile del Pianeta. E' in gioco come la parte più povera del mondo affronterà lo sviluppo. Se non ci sarà accordo comprometteremo il futuro del Pianeta», ha spiegato il ministro.

Il capo del dicastero dell'Ambiente ha concluso sottolinendo la situazione dell'Italia nella corsa alla riduzione delle emissioni. Il nostro Paese «parte in ritardo, faticheremo a rispettare i parametri del Protocollo di Kyoto, ma c'è un'inversione tendenza. Esiste una strategia e un Patto per l'ambiente e sono partite le prime risorse pubbliche per investire in questo campo»,

10 Luglio 2009

Share |

La Giornata Mondiale per l'Ambiente

Anche il Papa richiama sullo spreco di beni alimentari

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni
Sabato 30 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password