Esperienze

I green jobs esistono? Adesso qualcuno dubita

Nuovi posti nel settore significano meno altrove. Lo dice il rapporto "Defining, measuring and predicting green jobs", ideato all'University of Texas

Non è sicuro che la crescita delle fonti rinnovabili di energia favorisca lo sviluppo dell'occupazione.

Perché se indubbiamente il moltiplicarsi di progetti e impianti rinnovabili crea nuovi posti di lavoro in questo settore specifico, nello stesso tempo li riduce in altri settori.

In alcuni casi il bilancio conclusivo generale potrebbe anche essere negativo. E'quanto sostiene il rapporto "Defining, measuring and predicting green jobs", realizzato da un team di studiosi alla University of Texas di Austin per conto del Copenhagen Consensus Center, l'autorevole centro studi finanziato dal Governo danese.

Secondo il rapporto, le energie pulite hanno grandi vantaggi dal punto di vista ambientale, ma non economico: "Investire in fonti rinnovabili per aumentarne la quota di mercato, anche se è chiaramente possibile, avrà un prezzo alto, con effetti negativi sul potere di acquisto, sull'occupazione e sul Pil".

Le stime sui posti di lavoro nel campo delle fonti rinnovabili sarebbero basate su previsioni troppo ottimistiche circa la rapidità del passaggio a un'economia a basse emissioni.

Previsioni che non considerano i maggiori costi che questo passaggio implica, creando situazioni di crisi ad altri comparti economici.

Ad esempio - sostengono gli autori - è un dato di fatto che l'energia elettrica prodotta dalle nuove fonti rinnovabili ha maggiori costi di quella generata con le fonti convenzionali, cosa che, da un punto di vista generale, penalizza l'efficienza e la produttività delle imprese, riduce il reddito e la competitività nazionale e di conseguenza riduce l'occupazione complessiva.

Un altro problema è la difficoltà di definire esattamente quali posti di lavoro sono da considerare legati alle energie pulite.

Ad esempio, se un contadino decide di non produrre più grano, bensì colza da vendere sul mercato dei biocombustibili, viene automaticamente aggiunto ai nuovi posti di lavoro "verdi", ma in realtà non ha creato un nuovo posto di lavoro, ha solo cambiato attività.

Lo stesso vale nel caso di una centrale a carbone o di un cementificio che chiude i battenti, con gli operai là occupati che vengono riconvertiti in progetti rinnovabili.

Ammesso che tutti trovino un posto di lavoro nel nuovo settore (e spesso non è così), sulla carta fanno aumentare il numero di occupati verdi, ma nella realtà non fanno aumentare l'occupazione complessiva.

Alessandro Noto

14 Febbraio 2011

Share |

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

L’Envirofestival, musica per l'ambiente

Il 26 primo concerto di Audiomatica, Munendo, Uforomeo, dei R.I.M e Anotherule

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni

Il decalogo "salva-spiaggia" del Wwf

La sostenibilità in 10 mosse nei gesti della vita quotidiana in vacanza
Venerdì 29 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password