Focus

Incendi: via campagna
nazionale di Cia e Vas

Si intitola 'Prevenire è meglio che spegnere' e ha l'obiettivo di incrementare le iniziative volte a sensibilizzare sulla tutela ambientale

La prevenzione è un’arma fondamentale per ridurre il rischio di incendi. Non è solo uno slogan, ma una realtà che ha permesso di “salvare” in otto anni oltre 500.000 ettari di boschi, evitando danni economici per più di 100 miliardi di euro.

Purtroppo non è ancora tempo di abbassare la guardia: l’estate si è aperta con un aumento record dei roghi, che nei primi sei mesi dell’anno sono cresciuti del 200 per cento rispetto al 2010. Ecco perché diventa indispensabile accrescere la sensibilità e l’impegno di tutti nella salvaguardia del patrimonio boschivo italiano, partendo dall’assunto che “prevenire è meglio che spegnere”.

Iin questo spirito che s’inserisce la campagna nazionale 2011 “Preveniamo gli incendi”, promossa da Vas (Verdi ambiente e società) onlus e Cia (Confederazione italiana agricoltori), con il patrocinio del Corpo forestale dello Stato, del ministero dell’Ambiente e della Rappresentanza in Italia della Commissione Ue e in collaborazione con numerosi enti locali, Federparchi e l’associazione campeggiatori turisti d’Italia ACT Italia.

L’obiettivo della campagna, giunta quest’anno alla sua 21° edizione, è duplice: da un lato incrementare le iniziative di sensibilizzazione ed educazione al rispetto e alla tutela dell’ambiente; dall’altro accendere un faro sul ruolo degli agricoltori come “guardiani” del territorio per prevenire fuoco e disastri.

Il patrimonio boschivo italiano si estende su tutta la penisola ed è stimato intorno ai 10 milioni di ettari, pari a più del 30% del territorio nazionale. Si tratta di un’immensa risorsa di biodiversità che non va assolutamente dispersa e ridotta in cenere, tanto più che gli effetti per l’equilibrio naturale sono davvero devastanti e i tempi per il riassetto dell’ecosistema molto lunghi e costosi.

Per questo motivo, oltre alla campagna di comunicazione per la difesa dal fuoco dei nostri polmoni verdi, Vas e Cia hanno annunciato la riattivazione del numero verde 800.866158, un sistema di allerta rapido attivo 24 ore su 24 che raccoglierà le segnalazioni di cittadini e turisti sulle realtà di degrado e abbandono delle aree verdi e sulle aree a rischio di incendi e di danno ambientale.

Non solo. Gli agricoltori hanno deciso di rendersi parte attiva nella battaglia per la prevenzione e la riduzione del rischio incendi, candidandosi a “sentinelle” del territorio. Grazie alla loro attività, infatti, i produttori agricoli possono giocare un ruolo primario nel contrastare la “piaga” dei roghi, incentivando la loro capacità di presidiare i boschi con azioni costanti di pattugliamento, di gestione e di pronto intervento in caso di eventi dannosi per il patrimonio naturale.

Uno strumento in più a supporto del lavoro del Corpo forestale dello Stato e dei Vigili del fuoco, soprattutto nei mesi estivi quando le temperature più elevate e la siccità favoriscono lo scoppio e l’espansione delle fiamme per chilometri e chilometri di vegetazione. Incendi spesso causati da veri e propri “piromani killer” o comunque riconducibili a origini dolose, legate alla speculazione edilizia o all’incuria e alla disattenzione dell’uomo.

20 Luglio 2011

Share |

Articoli correlati

Mezzi elettrici, vendite per un milione nel 2015

Ad affermarlo è lo studio dell'IHS Business Supplier Automotive. A contribuire sarà soprattutto il boom del mercato cinese



Eolico: investimenti milionari in Ue nel 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi sono stati spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 megawatt. Calano le installazioni a petrolio e quelle nucleari

Global warming, indice puntato contro il sole

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta. Temperatura innalzata di 0,8 gradi negli ultimi 50 anni

Educazione ambientale a scuola con Assovetro

Al via la quinta edizione del concorso che vedrà gli studenti protagonisti di un racconto a tema su questo tipo di materiale. Incipit di Stefano Benni

Solare, italiani sempre più propensi a utilizzo

Lo sostiene un recente rapporto di IPR Marketing che conferma la crescita esponenziale del settore. Ma siamo carenti in fatto di informazione

Venezia, Ecolamp illumina il Carnevale

Per il terzo anno consecutivo il Consorzio parteciperà all’evento, diffondendo la cultura della sostenibilità tra grandi e piccini che parteciperanno

I prodotti del territorio per contrastare il gelo

Dalla vitamina D, facilmente reperibile in pesce, latte e uova, ai legumi: ecco alcuni consigli alimentari per supportare il fisico con il freddo

Le fattorie urbane sui tetti di New York

Grazie al progetto “Green infrastructure grant program” le sommita di alcuni palazzi della "Grande Mela" diventano vere e proprie aree agricole

Foreste sovrasfruttate: vicino il "picco legno"

A confermarlo è una ricerca sulla deforestazione: secondo gli esperti con questo ritmo il declino sarà inarrestabile. Necessaria una pausa di 50 anni

L’economia verde italiana in 80 storie

Presentato “L’Italia della Green economy”, libro che racconta le esperienze di aziende che hanno investito con successo in prodotti di alta qualità

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Lunedì 28 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password