Copertina

Italia e Kyoto, una sfida ancora possibile

Nel nostro Paese dal 2005 le emissioni di gas serra diminuiscono di 28 milioni di tonnellate, ma è necessaria una governance globale dell’ambiente

A quattro anni di distanza dall'approvazione del Protocollo di Kyoto è tempo di bilanci per l'Italia e per chi credeva che gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra in atmosfera fossero una chimera, ecco una bella sorpresa: il nostro Paese, infatti, ce la potrebbe fare a rispettare gli impegni presi in sede internazionale.

E' quanto è emerso a Roma nel corso della presentazione del "Dossier Kyoto" realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.  «Dal 2005 il trend in Italia è cambiato - il commento di Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile e firmatario del Protocollo di Kyoto - al 2012 potremmo essere molto vicini all'obiettivo di Kyoto (a -5,4%, rispetto all'obiettivo di -6,5%). Ciò cambia anche il quadro per gli obiettivi europei di riduzione al 2020: un quadro praticabile per l'Italia, anche se restano molto impegnativi gli obiettivi di incremento delle rinnovabili e dell'efficienza energetica».

Nel 2007 e nella prima metà del 2008 questa tendenza è stata rafforzata dal consistente aumento del prezzo del petrolio. Alla fine del 2008 invece è arrivata la crisi e il petrolio è calato, ma sono calati anche i consumi di energia. «Sulla base dei dati legati ai consumi energetici, sia a livello industriale che non, abbiamo elaborato una stima delle emissioni di gas serra nel 2008 pari a 550 milioni di tonnellate - ha proseguito Ronchi - È una stima che possiamo ritenere approssimata per eccesso, in quanto prevede per il 2008 meno di metà della riduzione delle emissioni verificatasi durante l'anno precedente, con una riduzione di sole 5,8 milioni di tonnellate rispetto al 2007».

A livello internazionale il "Dossier Kyoto" mostra come l'Europa sia sulla buona strada per centrare i target fissati nel 2005. L'obiettivo è di ridurre le emissioni dell'8% come media del periodo 2008-2012. Nel corso degli anni però gli scenari internazionali sono mutati. Nel 1992 infatti i Paesi che con il Protocollo di Kyoto avevano impegni di riduzione rappresentavano il 62% delle emissioni mondiali, mentre oggi raggiungono a malapena il 47%.

La spiegazione va ricercata nella crescita industriale fatta registrare negli ultimi anni da Paesi come India e Cina. Perciò nonostante l'impegno dell'Unione Europea le emissioni mondiali di CO2 sono aumentate da 20,95 miliardi di tonnellate nel 1990 a 27,89 miliardi nel 2006: un incremento notevole, che sfiora i 7 miliardi di tonnellate, facendo aumentare di un terzo le emissioni mondiali in soli 16 anni. Un incremento che va imputato ai Paesi OCSE, e fra questi alla crescita delle emissioni degli Stati Uniti, e ai Paesi di nuova industrializzazione, e fra questa alla fortissima crescita delle emissioni della Cina.

«Queste sono solo alcune delle cause che hanno determinato l'insuccesso del Protocollo di Kyoto - conclude Ronchi - I Trattati internazionali ambientali non dispongono infatti di strumenti di operatività, di controllo e di sanzioni efficaci. I Paesi che non ne rispettano gli obiettivi saranno richiamati ufficialmente, la loro inadempienza sarà resa nota, ma non avranno obblighi di alcun genere. L'acquisto dei diritti di emissione, il ricorso ai meccanismi flessibili, alla resa dei fatti sono più possibilità che obblighi, in mancanza di sanzioni efficaci del Protocollo».

13 Febbraio 2009

Share |

La Giornata Mondiale per l'Ambiente

Anche il Papa richiama sullo spreco di beni alimentari

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni
Martedì 22 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password