Copertina

Lampadine, da domani solo quelle ecologiche

Una rivoluzione che porta l'Europa a bandire da case, scuole e uffici lo strumento che fino a oggi ha permesso di irradiare i luoghi del nostro vivere

Lampadine tradizionali addio, da domani arrivano quelle alogene e a basso consumo. 

Una rivoluzione che porta l'Europa a bandire da case, scuole e uffici lo strumento che fino a oggi ha permesso di irradiare i luoghi del nostro vivere quotidiano. Ma Bruxelles, nel nome della Green policy e del risparmio energetico ha stabilito che tutti i 27 paesi dell'Unione dal primo settembre inizino a sostituire gradualmente le vecchie lampadine.  

Una svolta epocale, che mette fine - dopo 131 anni - all'invenzione all'epoca rivoluzionaria di Thomas Edison. La decisione, in realtà, è arrivata a marzo, quando la Commissione europea ha adottato definitivamente due regolamenti che impongono, a partire dal primo settembre, lo stop alle vendite delle lampadine a incandescenza.  

La commissione dell'europarlamento non ha avuto dubbi: le sole lampadine a risparmio energetico faranno risparmiare ai cittadini dell'Unione intorno ai 40 terawattora, l'equivalente del consumo elettrico nazionale della Romania, e taglierà le emissioni di CO2 di quasi 15 milioni di tonnellate l'anno. 

Sempre secondo i dati europei, una volta che tutti avranno abbandonato le vecchie lampadine, il taglio di anidride carbonica nell'Europa dei 27 sarà di 60 miliardi di tonnellate annue. Lo stop alle vecchie lampadine a incandescenza sarà graduale: si inizia con la messa al bando di quelle da 100 watt, poi dal primo gennaio 2010 commercializzazione vietata alle lampadine da 75 watt.  

Quindi, a settembre del 2011, toccherà alle lampadine da 60 watt, e infine, un anno dopo, a tutte le altre (da 40, 25 e 15 watt). Da settembre 2012, le vecchie lampadine saranno una volta per tutte in pensione. Ma l'addio alle lampade a incandescenza contemplerà delle eccezioni. Resteranno ancora all'interno di frigoriferi, freezer e forni. Poi, dal 2016, via anche da li.  

Dal 2012 le lampade ecologiche illumineranno ogni edificio pubblico, ufficio, strada, fabbrica e abitazione: le lampade compatte fluorescenti garantiranno un risparmio energetico fino all'80%, quelle alogene di nuova generazione dal 25 al 50%.  Si stima che alla fine l'Europa vanterà un risparmio energetico quantificabile in dieci centrali da un gigawatt. E un ritorno economico non indifferente: grazie alle lampadine alogene e a basso consumo l'Unione europea potrà disporre ogni anno dai cinque ai dieci miliardi di euro. 

Il beneficio economico riguarderà anche le famiglie che, assicurano da Bruxelles, vedranno un risparmio nelle loro bollette dai 25 ai 50 euro l'anno. Per le famiglie anche la possibilità di  risparmiare anche qualcosa in più: secondo i calcoli di Legambiente una sola lampadina ecologica potrebbe far risparmiare in media 15 euro all'anno in bolletta.

31 Agosto 2009

Share |

La Giornata Mondiale per l'Ambiente

Anche il Papa richiama sullo spreco di beni alimentari

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni
Lunedì 01 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password