Focus

Ambiente, in Italia aziende più sensibili

A dirlo uno studio presentato alla Camera dall'associazione Low Impact e condotto da Popai Italia (Associazione internazionale di retail marketing)

Aumenta in Italia la sensibilità delle aziende verso le tematiche legate alla sostenibilità ambientale: quasi sette aziende su 10 adottano politiche e pratiche rispettose del Pianeta.

E' quanto emerso dalla ricerca presentata oggi alla Camera dei Deputati dall'associazione Low Impact e condotta da Popai Italia (Associazione internazionale di retail marketing) su un campione di 180 aziende.

Nelle aziende eco-friendly, ha spiegato l'associazione, l'attenzione è rivolta soprattutto a politiche di rispramio energetico e utilizzo di materiali ecocompatibili (60% del totale), oltre alla gestione differenziata della raccolta dei rifiuti (56,7% del totale).

Il 41,2% delle aziende green' ha acquisito certificazioni ambientali. Una considerevole parte (il 58%) non lo ha fatto perchè non ritiene che esistano certificazioni adatte per la propria azienda. Le motivazioni sono varie: il 21,4% ritiene che siano troppo impegnative, il 14,3% troppo costose.

Il 26,5% delle aziende che ha adottato pratiche virtuose e rispettose dell'ambiente lo ha fatto per strategie di branding, il 17,6% invece per adeguamento al mercato e alla concorrenza. Tra le aziende che hanno comunicato le azioni green intraprese (54,8%), la totalità crede nei risultati positivi generati.

Lo studio è stata anche occasione di presentazione per Low Impact, associazione senza fini di lucro che vuole essere un punto di riferimento autorevole capace di valutare e comunicare le azioni green svolte da aziende e istituzioni.

«L'ambiente è un valore per tutti - ha commentato Letizia Palmisano, portavoce di Low Impact - e per questo motivo l'approccio al tema deve essere il più possibile indipendente e non basato su idealismi o ideologismi».

27 Ottobre 2010

Share |

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Venerdì 22 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password