Ruoteperaria

La mobilità sostenibile alla portata di tutti

Ibride, elettriche o gpl? Anche, ma l'ecoguida inizia seguendo alcune regole al volante. Da Volkswagen i consigli per preservare ambiente e tasche

Promuovere il concetto di mobilità sostenibile, attraverso uno stile di guida più rispettoso dell'ambiente. Il tutto senza necessariamente ricorrere a motorizzazioni "alternative", ma tenendo in mente semplicemente alcune regole basilari per inquinare meno e risparmiare di più sia in termini di denaro che di usura del veicolo.

Questo il senso dell'iniziativa Volkswagen Blue on tour, che tra aprile e giugno è stata protagonista in otto città italiane dimostrando come attraverso una serie di accorgimenti, attuabili nei percorsi quotidiani, sia possibile ottenere una guida ecosostenibile. A ben cinque delle nove regole va prestata attenzione prima della partenza. Ma vediamole con ordine.

Controllare la pressione dei pneumatici. La giusta pressione dei pneumatici fa risparmiare carburante già prima di partire. La resistenza al rotolamento può influire fino al 15% sul consumo totale. Sono poi consigliati pneumatici con la resistenza al rotolamento minima possibile: faranno risparmiare un ulteriore 3% di carburante e sono più silenziosi.

Pianificare gli spostamenti per evitare viaggi brevi. Il motore a freddo consuma molto carburante; ciò significa che fare frequenti viaggi brevi aumenta i consumi fino a 30l/100 chilometri. Organizzando più spostamenti in un unico tragitto, il motore avrà il tempo di raggiungere la temperatura di esercizio e consumerà meno carburante. Da sfatare quindi il mito di riscaldare il motore all'accensione: non riduce riduce i consumi bensì li aumenta ed è anche inutile tecnicamente.

Scegliere l'olio giusto. Quando il motore viene ben lubrificato produce minori emissioni. Questo è tanto più importante nei casi di avviamento a freddo o quando si percorrono brevi tragitti. Un buon olio deve circolare rapidamente. Gli oli a bassa viscosità sono in grado di ridurre il consumo di carburante fino al 5% rispetto a quelli convenzionali.

Via gli ingombri. Una buona linea aerodinamica è fondamentale per ridurre i consumi di carburante, in particolare a velocità elevate. Ma il vantaggio viene neutralizzato dagli accessori posti sul tetto, quali porta biciclette e box portacarico, da utilizzare solo per il tempo strettamente necessario. Un aumento del 33% della resistenza aerodinamica, può aumentare i consumi di carburante di oltre 2 l/100 km in autostrada.

Viaggiare leggeri. Ogni chilogrammo di bagaglio costa carburante. Per essere precisi: un peso di 100 kg può far aumentare il consumo della tua auto di 0,3 l/100 km. Quindi è bene controllare periodicamente il contenuto del bagagliaio della propria vettura. Non è necessario, ad esempio, portare in giro tutto l'anno vecchie bottigliette d'acqua o la racchetta da tennis.

Guidare rilassati. Al volante si sta (o meglio si dovrebbe) stare calmi, evitare bruschi cambi di marcia e azionare i freni in maniera "intelligente" (accompagnando, cioè, l'auto nelle fasi di rallentamento con un occhio al flusso del traffico). Questo stile di guida contribuisce sia a evitare incolonnamenti che a far godere il viaggio in maniera rilassata, con benefici non solo per la salute ma anche per l'ambiente.

Prima cambi, più tardi fai rifornimento. Guidare con la marcia più alta possibile è un altro dei consigli utili per un'ecocondotta. I risparmi economici e ambientali sono notevoli soprattutto in città.

Via il piede dal gas. Per consumare poco basta levare il piede dall'acceleratore e lasciare che l'auto resti in marcia, trascinata per inerzia dal cambio e dall'albero motore (ad esempio in fase di "rilascio" quando ci si avvicina a un semaforo rosso o quando si percorrono dei tratti in discesa), per vedere il monitor segnare 0 litri per 100 km.

Comfort sì, ma usarli con oculatezza. Il climatizzatore è utile ma incide sui consumi (in estate, arriva a incidere per due litri/100 km sul consumo di carburante). Una buon consiglio? Meglio azionarlo solo dopo qualche minuto di marcia a velocità moderata, tenendo inizialmente finestrini abbassati. Un utilizzo razionale di questo accessorio, come del riscaldamento dell'abitacolo e dei sedili e il lunotto termico, ridurrà i consumi. Controllare quindi l'equipaggiamento in utilizzo per vedere cosa si può disattivare.

Letizia Palmisano

27 Luglio 2010

Share |

Udine, stazione ricarica auto elettriche

Installata la colonnina DuraStation di GE Energy Industrial Solutions

Aci analizza il bike sharing in Europa

Bene la Francia, male Amsterdam. In Italia superano l'esame Torino e Milano

Pedalata contro il turismo sessuale

L’ 8 luglio in cinque nazioni: Italia, Inghilterra, Francia, Spagna e Brasile

Il made in Italy brilla a Bruxelles

Grande successo per Il veicolo ibrido ad ammoniaca e l'auto a idrogeno

Ford taglia del 22% consumi di energia

La compagnia ha pubblicato il 13esimo rapporto annuale sulla sostenibilità

Velo-city e la mobilità per i bimbi

Dal 26 al 29 giugno a Vancouver la Conferenza globale sulla mobilità ciclistica
Martedì 02 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password