Territori, Focus

Nucleare, Enel progetta quattro centrali italiane

L'entrata in funzione della prima è prevista nel 2020. Il numero di siti varia da due a tre. La società elettrica francese sarà partner del programma

Enel pensa al ritorno al nucleare in Italia e propone la realizzazione di ben quattro impianti di tipo Epr (European pressurized reactor) di terza generazione, in tre o anche due siti, a seconda del progetto.

La tecnologia è quella del reattore ad acqua pressurizzata e il modello quello "Flamanville" di Edf, la società elettrica francesce, con 58 centrali in tutto il mondo.

L'investimento previsto per i lavori si aggirerebbe intorno ai 4-4,5 miliardi a struttura, da spalmare in 60 anni, e, una volta ultimata, l'opera sarebbe in grado di soddisfare la metà del 25% di fabbisogno energetico da nucleare del Paese, secondo le intenzioni del governo.

L'operatività del primo impianto è prevista per il 2020, mentre la questione della proprietà sarà risolta creando veicoli societari ad hoc, in cui la maggioranza andrà a Enel, seguita da Edf, con l'apertura a terzi solo a patto che si mantengano al di sotto della quota di partecipazione dei francesi.

Dal lato dei consumatori, invece, con quelli più grandi saranno predisposti consorzi e contratti di durata più lunga rispetto a quelli attuali, fino ad arrivare ai trent'anni, nell'ambito di un meccanismo di take or pay in tutto simile a quello vigente nel mercato del gas.

Una volta definito il quadro normativo, Enel è pronta a partire, e la selezione del primo sito potrebbe già avvenire nell'ottobre del 2010, subito dopo il completamento dei criteri tecnico-ambientali per la realizzazione del progetto.

10 Dicembre 2009

Share |

Parco delle Madonie, occasione mancata?

Sabato 8 giugno i Lions Club Cefalù e Madonie intervengono sulle tematiche

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro
Lunedì 28 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password