Esteri

Clima, Onu parte male sul dopo Copenhagen

Poche proposte arrivate e l’opposizione di piccoli Paesi: trovare una bozza comune e condivisa per contenere l’emissione di CO2 sembra irraggiungibile

Grande scetticismo per il dopo Copenhagen. E' cominciato il lavoro dell'Onu incaricato di rendere condivise le idee per contenere il continuo surriscaldamento del Pianeta, ma il trattato del 1992 cui si fa riferimento (Unfccc, è di difficile applicazione visto che prevede per i suoi 192 Paesi membri solo decisioni unanimi.

Dal 29 novembre al 10 dicembre i grandi della terra si riuniranno a Cancun in Messico e le sensazioni vanno tutte nella stessa direzione: unanimemente d'accordo sulla impossibilità di dar seguito a un'intesa comune e vincolante a livello internazionale.

«Nel 2010 forse riusciremo ad avere qualche successo - ha detto Susan Kahn, segretario brasiliano per il cambiamento climatico - Ma penso che un accordo definitivo sia molto difficile». «Un accordo in Messico è impossibile», fa eco l'ex vice premier britannico John Prescott, ora referente sul clima del Consiglio d'Europa e scettico sulla possibilità, avanzata dalle Organizzazioni non governative, di avere già in mano un accordo legale firmato.

Diplomatici e responsabili sul clima di ogni parte del mondo concordano sull'impossibilità dell'Onu di imporre una volontà dall'alto, l'unica capace di portare a risultati concreti. Piccoli Paesi come Bolivia, Sudan o Tuvalu - quattro isole del Pacifico con 26 chilometri quadrati di superficie e terzo Stato meno abitato al mondo - rivendicano la propria sovranità volendo a ogni costo mantenere il diritto di veto, indebolendo ulteriormente l'intesa di minima raggiunta a Copenhagen da poche grandi Nazioni, con in testa Usa, Cina e India, maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra.

Le sole trenta proposte di impegni nazionali giunte alla scadenza del 31 gennaio al segretariato per i trattati climatici dell'Onu, rappresenta un chiaro segnale sulle reali intenzioni dei protagonisti, anche se il responsabile dell'Unfccc, Yvo de Boer, pur riscontrando una "paralisi" momentanea, ha minimizzato sull'accaduto definendo quella di stanotte una"scadenza morbida".

Al di là dei trattati, ciò che risulterebbero decisive per una svolta ambientalista sono le politiche comunitarie, le uniche capaci di ridurre le Co2 di una molecola, ma al momento, come sottolineato anche dal quotidiano The Guardian, "le forze che tentano di lottare contro il cambiamento climatico sono nello scompiglio e vagano a gruppi sul campo di battaglia come un'armata sconfitta".

02 Febbraio 2010

Share |
Il taglio del nastro

Le radici dell’Afghanistan

Il ruolo dell’agricoltura nella "transizione": la fattoria modello a Urdu Khan

Pechino punta a 21 Gw di solare nel 2015

Per sostenere la produzione di pannelli solari e l'eccesso di domanda

L'eco-city cinese accoglie i cittadini

Tianjin è stata costruita su una discarica e ospiterà 350mila abitanti

A Euro2012 vince la sostenibilità

Le maglie di Francia, Croazia, Polonia, Portogallo e Olanda sono più ecologiche

I consumatori pensano all'ambiente

Secondo la ricerca internazionale sponsorizzata dall'Onu a proposito di ecologia

Libano, verdi “caschi blu” all'opera

Forze italiane conducono un’intensa attività di cooperazione civile e militare
Giovedì 28 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password