Territori

A metano le consegne nel centro ztl di Parma

Grazie al progetto Ecocity varato dal Comune: obiettivo razionalizzare la logistica in città con una consegna delle merci efficiente ed ecosostenibile

Da alcune settimane nel centro urbano a traffico limitato di Parma le consegne a esercizi commerciali, bar e alberghi sono possibili solo con mezzi alimentati a metano oppure con mezzi accreditati con una speciale certificazione ambientale. 

Lo prevede il progetto Ecocity, deliberato dal comune di Parma. A darne notizia Federmetano (Federazione nazionale distributori e trasportatori di metano). Secondo l'amministrazione emiliana il 55% dell'inquinamento totale veicolare è causato dal trasporto merci e il 40% delle merci trasportate va in centro.

I veicoli commerciali, data anche l'età media del parco circolante, contribuiscono in misura considerevole alla formazione di polveri sottili e di inquinanti come ossido di carbonio, idrocarburi incombusti e ossidi di azoto, tutti elementi che destano grandi preoccupazioni per la tutela della salute dei cittadini.

Al parco circolante di veicoli commerciali si deve poi una parte notevole delle emissioni di anidride carbonica, gas serra il cui aumento contribuisce all'elevazione della temperatura sul Pianeta. Questi dati hanno spinto la giunta comunale, in collaborazione con le associazioni di categoria di artigiani e commercianti, a promuovere il progetto Ecocity.

L'obiettivo è quello di razionalizzare la logistica in città con una consegna delle merci, almeno per quello che riguarda l'ultimo tratto, efficiente ed ecosostenibile, evitando che il centro cittadino sia invaso tutti i giorni da mezzi commerciali inquinanti e, tra l'altro, spesso parzialmente vuoti.

I mezzi prelevano merci, cibo e prodotti da una apposita piattaforma per consegnarli sulla base di un piano di razionalizzazione dei carichi, grazie al quale i veicoli commerciali ecologici sono utilizzati per la loro intera capacità di carico.

«Ecocity - spiega il sindaco di Parma Pietro Vignali - rappresenta un passo avanti verso un rapporto più equilibrato tra sviluppo economico e qualità della vita. Parma è la prima città in Europa a dotarsi di una rete di distribuzione delle merci, compresa la filiera agroalimentare, ecosostenibile. Razionalizzando la distribuzione delle merci, infatti, si interviene in una delle principali cause di inquinamento in città».

«E' molto significativo - commenta il presidente di Federmetano Paolo Vettori - che per raggiungere l'obiettivo di migliorare la qualità dell'aria nel centro cittadino siano stati scelti mezzi alimentati a metano, che è il combustibile più pulito presente sul mercato. Si tratta di una ulteriore testimonianza dell'alta valenza ecologica di questo carburante, che si pone quindi come una soluzione molto efficace per rispondere al problema dell'alta concentrazione di sostanze nocive nell'aria delle città».

07 Maggio 2008

Share |

Parco delle Madonie, occasione mancata?

Sabato 8 giugno i Lions Club Cefalù e Madonie intervengono sulle tematiche

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro
Lunedì 28 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password