Esperienze

Il politecnico di Torino guida con il car sharing

Gli studenti in regola con l’iscrizione all’anno accademico pagheranno l’abbonamento annuale 50 euro e sperimenteranno le Fiat 500 Climaneutral

Il politecnico di Torino ha firmato con Car City Club e Fiat la convenzione che consentirà agli studenti dell’ateneo di iscriversi al servizio di car sharing a condizioni economiche di favore. L’obiettivo dei partner è quello di contribuire a sensibilizzare e a diffondere la cultura della mobilità sostenibile e della protezione del clima, partendo dai giovani.

La sperimentazione si avvia dunque dal politecnico di Torino con il progetto “Io guido car sharing – Fiat 500 Climaneutral” a Torino.  Gli studenti in regola con l’iscrizione all’anno accademico potranno aderire all’iniziativa e pagare l’abbonamento annuale di 50 euro invece che la tariffa normale di 179 euro. Inoltre Fiat mette a disposizione per i primi 200 studenti che si iscrivono al car sharing un bonus di 150 euro da spendere sulla tariffa chilometrica nell’arco del primo anno di abbonamento.

Car City Club metterà a disposizione degli studenti del Poli le Fiat 500 Climaneutral che fanno parte di un programma  per l’azzeramento delle emissioni di CO2 prodotte nel corso del 2008. L’azzeramento delle emissioni di CO2 delle Fiat 500 è stato realizzato grazie a ClimatePartner Italia, società internazionale operante nella consulenza per azioni di protezione del clima, ed è un atto volontario di impegno voluto dai partner del progetto e da ClimatePartner stessa. Per ognuna delle Fiat 500 1.2 69CV sono state definite e calcolate le emissioni di CO2 per chilometro percorso e per l’anno 2008 saranno compensati 200.000 chilometri di percorrenza (pari a circa 24 tonnellate di CO2 equivalente). Il contributo dell’iniziativa torinese allo sforzo collettivo contro il riscaldamento globale si concretizzerà nell’acquisto di crediti per le emissioni di CO2 evitate provenienti da un impianto che produce calore ed energia per circa 500 utenze nelle Alpi valtellinesi.

Le auto saranno facilmente identificabili grazie al nuovo logo arancio di “io Guido car sharing” e al logo blu climaneutral, che attesta e garantisce l’avvenuta compensazione secondo criteri e procedure verificate. I veicoli sono in circolazione da gennaio.

Secondo l’Assessore all’Ambiente di Torino, Domenico Mangone «dopo i recenti preoccupanti segnali, dobbiamo ammettere che il cambiamento climatico è una realtà con cui confrontarci già nei prossimi anni. Torino è orgogliosa di proporre, prima in Italia, un modello di intervento concreto ed innovativo che vede il contributo sia delle pubbliche istituzioni che dei soggetti privati come Fiat, analogamente a quanto già avviene in molti paesi in Europa».

«Fare qualcosa per il pianeta è utile,- dichiara Tito Schiaffino, Direttore Marketing Brand Fiat Italia - e sono felice che questo progetto sia rivolto ai giovani, a un target moderno, con una vettura di tendenza come la  500, un modo di comunicare che sono certo sarà efficace e che ribadisce l’impegno di Fiat a costruire auto per un ambiente migliore, a Torino ma non solo».

Il Rettore del politecnico di Torino ha così commentato: «Il politecnico di Torino non si tira mai indietro di fronte a iniziative su tematiche entrambe a noi care: gli studenti e l’ambiente. Agli studenti cerchiamo di offrire un numero sempre più alto di servizi e agevolazioni spendibili sul territorio. In questo caso penso in particolare agli studenti fuori sede che usufruiscono più di altri dei mezzi pubblici ai quali può risultare utile poter disporre saltuariamente di un auto a costi contenuti. Per quanto riguarda l’ambiente e la sua salvaguardia il tema è senza dubbio oggetto di studi approfonditi ed è fra  i nostri obiettivi primari»

 

20 Marzo 2008

Share |

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

L’Envirofestival, musica per l'ambiente

Il 26 primo concerto di Audiomatica, Munendo, Uforomeo, dei R.I.M e Anotherule

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni

Il decalogo "salva-spiaggia" del Wwf

La sostenibilità in 10 mosse nei gesti della vita quotidiana in vacanza
Mercoledì 30 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password