Focus

Rinnovabili, il settore
in campo contro i tagli

Incontro a Roma tra addetti ai lavori per discutere del D.lgs recante attuazione della Direttiva 2009/28/. Replica Berlusconi: «Nessun timore»

Bagno di folla al teatro Quirino di Roma in occasione della manifestazione “Sos rinnovabili”, per dire no al D.lgs recante attuazione della Direttiva 2009/28/ sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili. Un provvedimento che rischia di mortificare l'intero settore italiano.

La denuncia degli addetti ai lavori è nota: il decreto, così come formulato, bloccherà lo sviluppo del settore delle rinnovabili che producono energia elettrica, provocando un duro colpo all'economia nazionale già fortemente in crisi.

Un provvedimento che sta già generando incertezza: il sistema bancario ha infatti già annunciato la sospensione dei finanziamenti previsti e molte aziende si ritrovano improvvisamente con i loro investimenti a rischio.

Circostanza che coinvolge decine di migliaia di posti di lavoro e impedisce la creazione di nuove opportunità occupazionali" (stime accreditate riportano che oggi in Italia un nuovo posto di lavoro su tre è nella green economy).

Gli occupati del settore fotovoltaico, quello subito colpito dai tagli, sono oltre 150.000, compreso l'indotto. L'eolico occupa 8.200 addetti con un indotto da 28.000 persone. Mille le aziende che operano nel fotovoltaico, mentre 20.000 piccole società installano pannelli e piccoli impianti.

Le associazioni hanno chiesto, così, la riapertura di un confronto attraverso una riflessione aperta che possa portare alla composizione di una decisione equilibrata, capace di dare certezza al mercato, sostenere e promuovere i benefici economici e ambientali che il settore delle energie rinnovabili possono creare.

A rispondere alle critiche sul provvedimento ha pensato lo stesso Silvio Berlusconi: «Chi ha investito sulla green economy e il fotovoltaico non deve avere timori ingiustificati – ha detto il premier - entro poche settimane sarà stabilito un nuovo quadro di incentivi».

 

Alessandro Noto

10 Marzo 2011

Share |

Articoli correlati

L'Ue boccia l'Italia sul decreto rinnovabili

La Commissione ha sancito che il nuovo sistema di incentivi non garantisce l'accesso ai fondi per i piccoli e medi imprenditori

Mezzi elettrici, vendite per un milione nel 2015

Ad affermarlo è lo studio dell'IHS Business Supplier Automotive. A contribuire sarà soprattutto il boom del mercato cinese



Eolico: investimenti milionari in Ue nel 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi sono stati spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 megawatt. Calano le installazioni a petrolio e quelle nucleari

Global warming, indice puntato contro il sole

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta. Temperatura innalzata di 0,8 gradi negli ultimi 50 anni

Educazione ambientale a scuola con Assovetro

Al via la quinta edizione del concorso che vedrà gli studenti protagonisti di un racconto a tema su questo tipo di materiale. Incipit di Stefano Benni

Solare, italiani sempre più propensi a utilizzo

Lo sostiene un recente rapporto di IPR Marketing che conferma la crescita esponenziale del settore. Ma siamo carenti in fatto di informazione

Venezia, Ecolamp illumina il Carnevale

Per il terzo anno consecutivo il Consorzio parteciperà all’evento, diffondendo la cultura della sostenibilità tra grandi e piccini che parteciperanno

I prodotti del territorio per contrastare il gelo

Dalla vitamina D, facilmente reperibile in pesce, latte e uova, ai legumi: ecco alcuni consigli alimentari per supportare il fisico con il freddo

Le fattorie urbane sui tetti di New York

Grazie al progetto “Green infrastructure grant program” le sommita di alcuni palazzi della "Grande Mela" diventano vere e proprie aree agricole

Foreste sovrasfruttate: vicino il "picco legno"

A confermarlo è una ricerca sulla deforestazione: secondo gli esperti con questo ritmo il declino sarà inarrestabile. Necessaria una pausa di 50 anni

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Martedì 02 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password