Focus

Smart grids cruciali
per futuro rinnovabili

A confermarlo un rapporto dell'Agenzia internazionale per l'energia. Ma i governi dovranno moltiplicare i propri sforzi nel corso del tempo

Le smart grids, le reti elettriche “intelligenti” sono cruciali per raggiungere un futuro energetico più sicuro e sostenibile.

Lo dice l'Agenzia internazionale per l'energia (Aie) nel suo ultimo rapporto “Smart grids technology roadmap”, che suggerisce la necessità di un vasto dispiegamento delle reti intelligenti, che monitorano e gestiscono il trasporto dell'elettricità prodotta da tutte le fonti di generazione, rispondendo alle variazioni della domanda degli utilizzatori finali.

"Con le attuali tendenze nella fornitura e nell'uso di energia che diventano sempre più economicamente, ambientalmente e socialmente insostenibili", l'Agenzia ritiene che le smart grids possano giocare un ruolo significativo nel consentire l'utilizzo di quasi tutte le tecnologie energetiche pulite, incluse le fonti rinnovabili e l'efficienza energetica.

Insomma, ribadisce il rapporto Aie, "così come rispondono alle attuali preoccupazioni, come l'incremento della domanda di picco e l'invecchiamento delle infrastrutture, le reti intelligenti sono un elemento importante per espandere l'uso di un certo numero di tecnologie a basso tasso di carbonio, come i veicoli elettrici". Per riuscirci, però, i governi devono moltiplicare i propri sforzi.

«E' necessario un investimento più aggressivo in progetti pilota regionali di grande scala perchè si possano dispiegare le reti intelligenti al livello necessario – raccomanda Nobuo Tanaka, direttore esecutivo dell'Agenzia internazionale per l'energia – Inoltre, per finanziare i progetti pilota regionali, i governi devono stabilire politiche, sistemi di regolazione e piani per i sistemi elettrici chiari e consistenti, che consentano investimenti innovativi nelle smart grids».

Ma il rapporto Aie raccomanda anche il "ruolo cruciale" che le reti intelligtenti possono avere nel dispiegamento di nuove infrastrutture elettriche nei Paesi in via di sviluppo e nelle economie emergenti, potendo aiutare a tenere basso il costo dell'elettricità.

 

Alessandro Noto

04 Aprile 2011

Share |

Articoli correlati

Mezzi elettrici, vendite per un milione nel 2015

Ad affermarlo è lo studio dell'IHS Business Supplier Automotive. A contribuire sarà soprattutto il boom del mercato cinese



Eolico: investimenti milionari in Ue nel 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi sono stati spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 megawatt. Calano le installazioni a petrolio e quelle nucleari

Global warming, indice puntato contro il sole

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta. Temperatura innalzata di 0,8 gradi negli ultimi 50 anni

Educazione ambientale a scuola con Assovetro

Al via la quinta edizione del concorso che vedrà gli studenti protagonisti di un racconto a tema su questo tipo di materiale. Incipit di Stefano Benni

Solare, italiani sempre più propensi a utilizzo

Lo sostiene un recente rapporto di IPR Marketing che conferma la crescita esponenziale del settore. Ma siamo carenti in fatto di informazione

Venezia, Ecolamp illumina il Carnevale

Per il terzo anno consecutivo il Consorzio parteciperà all’evento, diffondendo la cultura della sostenibilità tra grandi e piccini che parteciperanno

I prodotti del territorio per contrastare il gelo

Dalla vitamina D, facilmente reperibile in pesce, latte e uova, ai legumi: ecco alcuni consigli alimentari per supportare il fisico con il freddo

Le fattorie urbane sui tetti di New York

Grazie al progetto “Green infrastructure grant program” le sommita di alcuni palazzi della "Grande Mela" diventano vere e proprie aree agricole

Foreste sovrasfruttate: vicino il "picco legno"

A confermarlo è una ricerca sulla deforestazione: secondo gli esperti con questo ritmo il declino sarà inarrestabile. Necessaria una pausa di 50 anni

L’economia verde italiana in 80 storie

Presentato “L’Italia della Green economy”, libro che racconta le esperienze di aziende che hanno investito con successo in prodotti di alta qualità

Biomasse, la nuova edizione del forum

Evento principale della giornata sarà il Forum Mondiale sulle bioenergie

Troppe discariche, Europa vs l'Italia

Aperta una procedura d’infrazione nei confronti della Penisola per 102 siti

Ambiente, meno soldi dallo Stato

Decremento del 20% nel 2012, del 26% nel 2013 e 32% nel 2014

Piano Anbi 2012 per tutela territorio

Le proposte per arginare un fenomeno che divora tre milioni di territorio

Eolico: investimenti milionari Ue 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 MW

Global warming, sole responsabile?

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta
Giovedì 28 Agosto 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password