Territori, Esteri

Arriva il solare termico
per il Medio Oriente

Crescita importante in vista. Lo sostiente uno studio Ernst&Young realizzato per la Banca Mondiale. Possibili 80.000 posti di lavoro entro il 2025

I pochi impianti solari termici a concentrazione (Concentrated solar power - CSP) oggi in servizio per la produzione di elettricità, come pure la gran parte dei progetti in fase di sviluppo, riguardano essenzialmente l'Europa meridionale e gli Stati occidentali degli Usa.

Ma la regione con le maggiori potenzialità per questa tecnologia è quella composta da Medio Oriente e Africa settentrionale. E anche le industrie europee stanno iniziando ad accorgersene.

Il punto della situazione è stato fatto dal rapporto "Middle East and North Africa Region, Assessment of the Local Manufacturing Potential for Concentrated Solar Power (Csp) Projects", realizzato per conto della Banca mondiale dall'agenzia Ernest & Young e dal tedesco Fraunhofer Institut.

Il documento esamina lo stato dell'arte e le potenzialità della tecnologia Csp sia a livello di risorse sia di contesto industriale in cinque Paesi (Egitto, Algeria, Giordania, Marocco e Tunisia).

Le conclusioni stimano che lo sviluppo della tecnologia nella regione considerata possa portare un valore aggiunto medio del 60%, per un importo complessivo che potrebbe superare i 10 miliardi di euro.

In termini occupazionali questo potrebbe tradursi in 60.000 e 80.000 nuovi posti di lavoro entro il 2025, molti dei quali permanenti e altamente qualificati.

Il rapporto traccia anche un piano d'azione che suggerisce ai governi locali come sfruttare meglio le risorse naturali e come rimuovere i principali ostacoli, anche per favorire gli investimenti da parte di aziende europee, che, da parte loro, potrebbero trarre enormi benefici dagli investimenti nella regione.

Lo sviluppo del solare a concentrazione in Medio Oriente e nell'Africa settentrionale è uno degli obiettivi del programma Clean technology fund della Banca mondiale, che sta cercando perciò di concentrare investimenti e sviluppare l'industria anche direttamente nei Paesi in questione.

22 Febbraio 2011

Share |

Articoli correlati

L'Ue boccia l'Italia sul decreto rinnovabili

La Commissione ha sancito che il nuovo sistema di incentivi non garantisce l'accesso ai fondi per i piccoli e medi imprenditori

Mezzi elettrici, vendite per un milione nel 2015

Ad affermarlo è lo studio dell'IHS Business Supplier Automotive. A contribuire sarà soprattutto il boom del mercato cinese



Eolico: investimenti milionari in Ue nel 2011

Dati Ewea: dai 27 Paesi sono stati spesi 12,6 miliardi per una produzione di 93.957 megawatt. Calano le installazioni a petrolio e quelle nucleari

Global warming, indice puntato contro il sole

Ricerca tedesca: stella responsabile per il 50% del riscaldamento del Pianeta. Temperatura innalzata di 0,8 gradi negli ultimi 50 anni

Educazione ambientale a scuola con Assovetro

Al via la quinta edizione del concorso che vedrà gli studenti protagonisti di un racconto a tema su questo tipo di materiale. Incipit di Stefano Benni

Solare, italiani sempre più propensi a utilizzo

Lo sostiene un recente rapporto di IPR Marketing che conferma la crescita esponenziale del settore. Ma siamo carenti in fatto di informazione

Venezia, Ecolamp illumina il Carnevale

Per il terzo anno consecutivo il Consorzio parteciperà all’evento, diffondendo la cultura della sostenibilità tra grandi e piccini che parteciperanno

I prodotti del territorio per contrastare il gelo

Dalla vitamina D, facilmente reperibile in pesce, latte e uova, ai legumi: ecco alcuni consigli alimentari per supportare il fisico con il freddo

Le fattorie urbane sui tetti di New York

Grazie al progetto “Green infrastructure grant program” le sommita di alcuni palazzi della "Grande Mela" diventano vere e proprie aree agricole

Foreste sovrasfruttate: vicino il "picco legno"

A confermarlo è una ricerca sulla deforestazione: secondo gli esperti con questo ritmo il declino sarà inarrestabile. Necessaria una pausa di 50 anni

Parco delle Madonie, occasione mancata?

Sabato 8 giugno i Lions Club Cefalù e Madonie intervengono sulle tematiche

Mobilitazione per la Città della Scienza

Istituzioni, Parlamento europeo, politici impegnati per la ricostruzione

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Idrovia Ferrarese: viaggiare slow

Un video di Patrizio Roversi racconta i 70 chilometri di percorso navigabile

A Librino il Rito della luce, parla Pres

La manifestazione nel quartiere di Catania: studenti e giovani al centro
Mercoledì 03 Settembre 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password