Esperienze

Impianto solare Tenesol per 109 agricoltori

Realizzato a Segala-Limargue, nel sud-ovest della Francia, il sistema chiavi in mano dimostra i vantaggi economici della tecnologia del fotovoltaico

Tenesol, fornitore globale di energia solare di proprietà dei giganti nel campo dell'energia Total ed Edf, ha completato un sistema fotovoltaico da 30 milioni di euro sui tetti di 188 edifici appartenenti a 109 agricoltori. Situato a Segala-Limargue, nel sud-ovest della Francia, il sistema chiavi in mano dimostra i vantaggi economici che la tecnologia solare può portare sia ai proprietari degli edifici sia alla regione. Il sistema è il risultato di 18 mesi di lavoro di Sicaseli, un'associazione di agricoltori, e Tenesol. Con una capacità di 6,9 megawatt di picco, l'installazione è uno dei più grandi sviluppi di energia collettiva realizzati in Francia.

Consegnato chiavi in mano, il sistema su tetto copre una superficie di 52.500 metri quadrati e incorpora 31.000 moduli fotovoltaici avanzati Tenesol, prodotti nello stabilimento della società nei pressi di Tolosa. Il sistema è in grado di produrre 7,2 megawatt/ora di elettricità all'anno, l'equivalente del consumo annuale di circa 2.000 abitazioni, e si prevede che garantirà un ricavo annuale medio di 1,2 MEUR nel corso di 20 anni.

"L'impatto economico di questo progetto su agricoltori e regione è stato molto significativo", afferma Laurent Causse, responsabile del settore energia di Sicaseli. "Assumendo il nuovo ruolo di produttori di energia, gli agricoltori si aspettano di ottenere ricavi significativi, mentre la regione trae vantaggio dall'investimento e dallo sviluppo economico che deriva dal profitto netto generato da questo programma. Il progetto è un ottimo esempio di come le comunità agricole e l'energia rinnovabile possono lavorare insieme a beneficio di tutti."

Lo studio di fattibilità dell'energia solare condotto da Sicaseli è durato diversi mesi e 10 società del settore sono state invitate a partecipare all'appalto del nuovo progetto. Dopo avere ottenuto l'appalto, Tenesol ha condotto un'accurata valutazione del potenziale FV della regione. La società ha presentato i risultati ai membri di Sicaseli e la risposta è stata entusiasta. Circa 270 agricoltori hanno appoggiato l'idea e, dopo una valutazione di quali edifici fossero idonei per un sistema FV, 109 hanno accettato di partecipare al progetto.

Dopo la verifica della rispondenza a tutti i requisiti tecnici, legali, finanziari e di pianificazione urbanistica, Tenesol ha ricevuto il via al progetto. La società ha quindi iniziato le verifiche di fattibilità tecnica su ognuno dei 188 edifici, al fine di garantirne l'idoneità e di specificare i materiali corretti per ciascuna delle installazioni FV. La costruzione è iniziata a settembre 2009.

I 188 edifici erano tutti diversi e ognuno presentava problematiche uniche. Nella maggior parte degli edifici, la copertura esistente è stata rimossa e la struttura di supporto è stata rinforzata prima di installare il sistema. Per finanziare il progetto e dare una rappresentanza omogenea ai 109 agricoltori, è stata appositamente fondata una società congiunta, chiamata Saes (Segala Agriculture et Energie Solaire). Per massimizzare il ritorno finanziario del progetto, gli agricoltori hanno accettato la responsabilità della manutenzione del sistema. Tenesol continua a svolgere un ruolo di supporto e risponde a tutte le domande, ma tutta la manutenzione è gestita da Sicaseli.

"Il progetto Sicaseli è un perfetto esempio di come la comunità agricola può muoversi collettivamente per produrre un sistema FV in larga scala, che offre vantaggi non solo alle persone coinvolte, bensì all'intera regione," conclude Benoit Rolland, General Manager di Tenesol.

25 Gennaio 2011

Share |

NeWage, la sfida ecologica di Lidia

Un concorso fotografico con Volla Music Festival per la CIttà della Scienza

Flora, fauna e tendenze a Floracult

La quarta edizione si è conclusa con un grande successo di pubblico

L’Envirofestival, musica per l'ambiente

Il 26 primo concerto di Audiomatica, Munendo, Uforomeo, dei R.I.M e Anotherule

A Parma il convegno sul D.A.C.

Sabato 2 marzo un workshop sul Marketing territoriale e delle Reti di impresa

Librino rinasce con il "Rito della luce"

Il 21 dicembre la Fondazione Fiumara d’Arte organizza a Catania la tre giorni

Il decalogo "salva-spiaggia" del Wwf

La sostenibilità in 10 mosse nei gesti della vita quotidiana in vacanza
Lunedì 28 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password