Ruoteperaria

Unrae-Confcommercio: ambiente guida scelta auto

Il 24% delle famiglie che ha comprato un nuovo veicolo lo ha scelto in base ai bassi consumi, al rispetto dell'ambiente e agli incentivi statali

La consapevolezza che la lotta all'inquinamento parte anche dal tipo di auto in circolazione sta facendo breccia nelle famiglie italiane. Lo dimostra lo studio presentato oggi presso la sede di Confcommercio a Roma, realizzata da Unrae/Confcommercio e intitolata " Analisi delle motivazioni all'acquisto dell'auto". La ricerca è stata sviluppata anche in collaborazione con l'Istituto Piepoli.

Secondo l'indagine, il 12% delle famiglie italiane ha comprato un auto nuova nel 2007;. Di questa percentuale il 40% sceglie un'auto in base al rapporto qualità prezzo; il 25% per la bellezza della linea; il 24% per i bassi consumi/ecologia/incentivi; il 46% ha utilizzato o è propenso ad utilizzare gli incentivi per la rottamazione nel 2007-2008; l'85% ritiene importanti gli incentivi governativi; l'81% da molta importanza all'ambiente nella scelta dell'auto nuova; il 95% alla sicurezza, come si legge nel comunicato diffuso oggi.

Per ciò che riguarda le cosiddette "motivazioni all'acquisto", due sono i bisogni alla base dell'acquirente di auto: da una lato la soddisfazione di un piacere, ovvero il desiderio di cambiare l'auto, dall'altro il dovere, ovvero la necessità di avere un'automobile in grado di rispondere a specifici bisogni. Nel processo di scelta tende a prevalere il secondo polo, rafforzando le motivazioni razionali, anche se poi la scelta non è scevra da variabili emotive. Il punto focale è il "giusto prezzo", che si correla a tutta una serie di variabili come i consumi, la rivendibilità, le agevolazioni e gli sconti. E da questo punto di vista la presenza degli incentivi, anche se non determinante, è spesso un elemento importante nel definire la scelta. L'incidenza degli incentivi diventa più consistente in presenza del rinforzo positivo costituito dalla variabile ecologica: ambiente e risparmio diventano un connubio efficace. E proprio a proposito di ambiente, la fase quantitativa della ricerca conferma la grande importanza nella scelta dell'auto nuova dell'attenzione all'ambiente (81%) e della sicurezza (95%), nonché, degli incentivi governativi per ridurre le emissioni di anidride carbonica. Tra i propensi all'acquisto di un'auto nuova nel 2008, tale importanza cresce notevolmente.

E' interessante notare come, se gli incentivi per la rottamazione sono stati utilizzati nel 35% degli intervistati che hanno acquistato un'auto nuova negli ultimi 12 mesi, la propensione al loro utilizzo tra coloro che pensano di acquistarla nei prossimi 12 mesi sale a ben il 64% dei casi. Vi è dunque ancora una fetta notevolissima di mercato (tipicamente i possessori di Euro 0, Euro 1 e soprattutto di Euro 2) che ha auto da rottamare e che potrebbe avere una buona propensione all'acquisto di un'auto nuova, qualora potesse avvalersi degli incentivi alla rottamazione.

Secondo l'indagine dell'Istituto Piepoli, circa il 7% delle famiglie italiane pensa di acquistare un'auto nuova nel 2008, quindi tendenzialmente meno rispetto al dato positivo del 2007. La permanenza degli incentivi governativi, dovrebbe aggiungere quasi un altro 5% di famiglie stimolate da questa opportunità. In altre parole, l'assenza degli incentivi governativi nel 2008 avrebbe determinato un corposo ripiegamento delle vendite di auto, mentre la loro proroga contribuirà quantomeno ad attenuare gli effetti negativi delle altre variabili socioeconomiche che si prospettano in questo primo scorcio di anno particolarmente negative.

Il parco delle vetture più inquinanti (Euro 0 ed Euro 1) in un anno è calato di oltre 1,5 milioni di unità, passando dai 9,3 milioni ai quasi 7,8 milioni. Ciò ha determinato, per le auto sostituite con le moderne Euro 4, una riduzione del 30% di Co2 e del 40% di polveri sottili. Il parco circolante totale, proprio grazie all'effetto degli incentivi nel 2007 è cresciuto di sole 200.000 unità, con una drastica riduzione rispetto all'aumento medio annuo di circa 500.000 che si era sempre registrato negli ultimi 16 anni.

Le immatricolazioni incentivate hanno rappresentato nel 2007, il 20% rispetto al totale delle immatricolazioni a persone fisiche, con punte particolarmente alte nei mesi febbraio-aprile. Hanno approfittato degli incentivi più gli uomini che le donne: 61,27% contro il 38,73% e per quanto riguarda le fasce di età, la parte del leone l'hanno fatta gli "oltre 55 anni" con il 38%, seguiti da quelli della fascia "36-45 anni" con il 23,86% e quelli "46-55 anni" con il 23,4%. Infine, per quanto riguarda la distribuzione geografica, emerge chiaramente come gli incentivi abbiano avuto particolare successo al Sud, come del resto era facilmente prevedibile, dove hanno raggiunto il 32% del totale incentivato in Italia, mentre la quota di questa area sul totale immatricolazioni ha rappresentato il 20,9%.

Per ciò che riguarda le prospettive per il 2008, come già evidenziato dall'Unrae, la situazione economica, accompagnata dalla sensibile riduzione della fiducia dei consumatori, l'incertezza politica ed un meccanismo incentivante che di fatto esclude le Euro 2 di maggior volume (quelle immatricolate nel 1997 e 1998), porterà ad un mercato globale non superiore a 2.350.000 autovetture nuove, circa 150.000 in meno del 2007.

12 Febbraio 2008

Share |

Udine, stazione ricarica auto elettriche

Installata la colonnina DuraStation di GE Energy Industrial Solutions

Aci analizza il bike sharing in Europa

Bene la Francia, male Amsterdam. In Italia superano l'esame Torino e Milano

Pedalata contro il turismo sessuale

L’ 8 luglio in cinque nazioni: Italia, Inghilterra, Francia, Spagna e Brasile

Il made in Italy brilla a Bruxelles

Grande successo per Il veicolo ibrido ad ammoniaca e l'auto a idrogeno

Ford taglia del 22% consumi di energia

La compagnia ha pubblicato il 13esimo rapporto annuale sulla sostenibilità

Velo-city e la mobilità per i bimbi

Dal 26 al 29 giugno a Vancouver la Conferenza globale sulla mobilità ciclistica
Giovedì 31 Luglio 2014 12:30:27
chiudi

Recupero password

Inserisci la tua mail e ti
rimanderemo la tua password:

Registrati Hai dimenticato la password