Agretti: proprietà e uso in cucina

-
09/03/2021

Gli agretti sono un ortaggio tipico della stagione primaverile. Iniziamo a trovarli disponibili al supermercato o dal fruttivendolo proprio in questo periodo! Conosciuti anche come barba di frate, sono un contorno diverso e molto apprezzato, sia semplicemente lessati con un po’ di limone sia saltati in padella. Vediamo insieme le proprietà di questa verdura e l’uso in cucina.

saltwort-2521827_1920

Finalmente siamo entrati nel mese di marzo: tra gli ortaggi tipici dell’inizio della stagione primaverile ci sono anche gli agretti. Ricchi di acqua e poveri di grassi, gli agretti sono un ortaggio tipico delle regioni mediterranee, e si trovano da marzo a maggio. Sono ricchi di vitamine e proprietà benefiche, e sono molto apprezzati in cucina, dove si prestano a vari utilizzi.

Agretti: proprietà e utilizzi

Gli agretti sono molto ricchi di acqua e vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina C e vitamina E. Abbondano anche in termini di sali minerali, in particolare calcio, magnesio, ferro e potassio, che rendono questa verdura un vero e proprio mineralizzante primaverile. La grande quantità di acqua e fibre insolubili li rendono pieni di proprietà diuretiche e stimolanti del transito intestinale.

La presenza di vitamina A e calcio li rende dei buoni antiallergici, soprattutto contro eczemi e irritazioni cutanee, tipiche del periodo primaverile. Ha una buona concentrazione di vitamina C che però, essendo termosensibile, viene persa con la cottura.

Uso in cucina degli agretti

Salsola Soda

Gli agretti vengono consumati sempre previa bollitura. Si consiglia infatti di sbollentarli sempre in acqua salata, e poi cucinarli come si preferisce per ottenere il nostro contorno. Per esempio, una volta bolliti possono essere conditi con un po’ di succo di limone e olio, e mangiati direttamente così. In alternativa, si possono saltare in padella con una becca di aglio e una bella girata di pepe.

Un modo molto scenografico per consumare gli agretti è lessarli insieme agli spaghetti, conditi poi in maniera semplice, per ottenere un piatto coreografico, sano e particolare.