Agricoltura biologica: obbiettivi e vantaggi

-
28/06/2022

Ci sono diverse differenze fra agricoltura biologica e quella normale che va oltre alla moda del momento e si spinge verso un concetto di prodotto della terra migliore e più curato. Andiamo a scoprire quali sono le differenze.

Prodotti, Bio

Per agricoltura biologica si intende quella che rispetta pratiche di coltivazioni sostenibili e che non prevede  l’utilizzo di sostanze chimiche non ammesse dall’Unione Europea.

Agricoltura biologica o normale?

Agricoltura

Esistono delle differenze sostanziali tra l’agricoltura biologica e quella normale.

  • Antiparassitari: nell’agricoltura biologica non si possono utilizzare antiparassitari citotropici e sistemici (cioè le medicine che possono entrare nella linfa o nelle foglie delle piante) mentre nell’agricoltura normale si utilizzano anche insetticidi chimici per tenere lontani gli insetti.
  • Concimi: nell’agricoltura biologica si utilizzano fitofarmaci e fitoregolatori mentre nell’agricoltura normale possono utilizzarsi anche concimi di origine chimica.
  • Costi: i prodotti biologici costano più dei prodotti coltivati con l’agricoltura normale proprio perché ci sono più difficoltà riscontrate dall’agricoltore durante la coltivazione.
  • Diserbanti: sono proibiti per quanto riguarda l’agricoltura biologica mentre nell’agricoltura tradizionale vengono utilizzati per eliminare le piante infestanti, quelle che sottraggono i nutrienti alle colture

Quindi le principali differenze con l’agricoltura normale stanno proprio nel fatto che nell’agricoltura biologica non si utilizzano fitofarmaci e concimi chimici ma solo quelli considerati naturali ed inoltre si praticano rotazioni colturali e lavorazioni attente a mantenere la struttura del suolo e della sostanza organica del terreno.

Anche per quanto riguarda gli antiparassitari non sono utilizzati, se di origine chimica.

Agricoltura biologica: gli obbiettivi

Agricoltura

Gli obiettivi dell’agricoltura biologica, secondo la Federazione Internazionale dei movimenti per l’agricoltura biologica sono:

  • Trasformare il più possibile le aziende in un sistema agricolo autosufficiente, attingendo alle risorse locali.
  • Produrre alimenti di elevata qualità nutritiva in quantità sufficiente.
  • Evitare ogni forma di inquinamento determinato dalle tecniche agricole utilizzando più passaggi con le trattrici e quindi inquinare relativamente come una lavorazione convenzionale.
  • Salvaguardare la fertilità naturale del terreno.

In definitiva è una tipologia di agricoltura “verde” che prevede la produzione di prodotti ottenuti senza utilizzare residui di fitofarmaci o concimi chimici e senza avere impatto sull’ambiente (su acqua, terra e aria).

Anche per quanto riguarda i prodotti, quelli biologici, sebbene più costosi, sono sicuramente di qualità eccellente e sono sempre più apprezzati da tantissimi consumatori.