Assorbenti gratis in Scozia: la prima iniziativa in tutto il mondo

-
24/08/2022

Assorbenti e prodotti per le mestruazioni saranno gratuiti per tutte le persone che non potranno permettersi di pagarli. L’entra in vigore di una legge approvata già a novembre 2020 segna un passo importante contro la period poverty. Andiamo a scoprire di cosa si tratta.

Mestruazioni

La Scozia è il primo Paese al mondo ad aver reso gratuiti gli assorbenti e i prodotti per il ciclo mestruale, per tutte quelle persone che non se li possono permettere.

Assorbenti gratuiti: come funziona la misura?

Soldi

Dal 15 agosto, cioè, chiunque ne abbia bisogno, potrà avere accesso a questi dispositivi senza pagare. Si tratta di una legge approvata già a novembre 2020 e che è entrata in vigore ufficialmente proprio in questi giorni. Lo scopo è il contrasto alla period poverty, ovvero una situazione di difficoltà economica per la quale non è possibile acquistare assorbenti e tamponi e che ha tra le prime conseguenze l’assenza da scuola da parte di alcune ragazze.

Secondo la promotrice della legge, la deputata laburista scozzese Monica Lennon, più o meno il 20% della popolazione femminile del Paese vive in condizioni di relativa povertà e potrebbe quindi beneficiare del Period Products Act.

La Scozia è inoltre già da tempo sensibile al tema, tanto gli assoberti gratis venivano distribuiti da tempo in scuole e università, proprio per prevenire la mancata presenza alle lezioni a causa delle mestruazioni. Da questo momento, saranno disponibili anche nelle farmacie e in tutti i centri di aggregazione sociale e giovanili.

Di period poverty si parla ormai da diversi anni e anche l’Italia ha mosso un piccolo passo in questa direzione, riducendo l’IVA sui prodotti mestruali, la cosiddetta “tampon tax“, dal 22% al 10%.

Assorbenti gratuiti: la situazione nel mondo

Mestruazioni

Mentre per gli assorbenti compostabili, lavabili o per le coppette mestruali si scende al 5%. L’imposta rimane comunque più alta che in altri Paesi europei come la Germania, dove è al 7%, e la Francia, al 5,5%. Nel Regno Unito era stata invece del tutto eliminata a partire da gennaio 2021.

Per una persona con il ciclo mestruale, gli assorbenti e gli altri prodotti per il ciclo sono beni essenziali. Non è possibile farne a meno. L’aliquota dovrebbe dunque essere ridotta almeno al 4%, proprio come accade per pane e pasta. La Scozia diventa dunque un esempio da seguire.