Australia: piano del WWF per salvare i koala

I koala sono a rischio e il WWF sta agendo da tempo purché una specie tanto importante ma anche per troppo non rispettata, torni ad essere numerosa e non rischi più l’estinzione.

A448520B-7B65-49EA-B05A-2CD9971A6087

Si chiama Koala Foerevers ed è il progetto del WWF che sta prendendo sempre più piede in Australia.

Proprio perché il koala, cioè uno degli animali simbolo dell’Australia è ora a rischio, motivo per cui il WWF si sta mobilitando da due anni con la campagna che si impegna a raddoppiarne la popolazione della specie entro il 2050.

La campagna che prende il nome di Koalas Forever è stata ideata dal WWF perché il numero di animali è diminuito in maniera spaventosa nel corso degli ultimi duecento anni. Come ha sottolineato Tanya Pritchard, conservazionista australiana del WWF e program manager di Koalas Forever, la situazione è tragica e serve davvero una manovra quanto più efficace ed efficace possibile:

Duecento anni fa in Australia c’erano milioni di koala. Oggi ne rimangono circa 100.000, e ogni anno ce ne sono sempre di meno.

Ecco perché la campagna Koalas Forever è estremamente importante e rappresenta anche un progetto con un obiettivo molto ambizioso.


Leggi anche: Koala: caratteristiche e ambiente ideale

Koalas Forever: come salvare i koala in Australia

FAAEC08F-4895-4245-9042-9039919D5FFB

Il progetto del WWF che si prefigge l’obiettivo di arrivare al 2050 con un numero di Koala che non faccia più essere la specie a rischio è nato due anni fa, proprio dopo l’estate segnata dagli incendi.

La cosiddetta “estate nera” degli incendi ha portato alla distruzione di flora e fauna in Australia e i Koala, che erano già a rischio, sono entrati in una crisi ancora maggiore. Tra il disboscamento e la caccia illegale agli animali, questi hanno raggiunti numeri che devono essere assolutamente recuperati, per il bene per l’intero ecosistema.

Ecco perché con il progetto guidato dal WWF, lo scopo è quello di raddoppiare la popolazione di koala in Australia entro il 2050:

È ambizioso perché i loro numeri sono in declino da anni, e non solo per colpa degli incendi. Ma abbiamo un programma costruito su cinque pilastri che stanno già portando investimenti notevoli per interventi di conservazione e ripopolamento, e vogliamo fare sempre di più.

Ha chiarito sempre la Pritchard, che è in prima linea per assicurarsi che la campagna abbia ancora più successo di quanto è stato prefissato.